QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

2 dic 2021 -

Scripta loqui

In poche righe Jason Snell mostra su Six Colors il collegamento tra Terminale, AppleScript e Comandi rapidi .

Roba che su Windows te la sogni. Non perché manchi; i pezzi, volendo, si trovano. Perché l’integrazione è zero.

Su Mac, invece, non c’è soluzione di continuità tra un Comando rapido ad altissimo livello e un comando di Terminale a bassissimo livello, passando se necessario dal terreno di mezzo rappresentato da AppleScript.

Vale a dire che Apple non si è limitata a comprare Workflow , la app che ha inventato i Comandi rapidi, ma ha anche provveduto a radicarla nel sistema operativo.

I tre ambienti parlano. Si parlano. Si toccano. Si collegano.

Del futuro non sappiamo; del presente, a proposito di script e automazione su Mac, da molto tempo non si vedeva un panorama così prospero e promettente. Se accanto al lavoro di Snell si mette quello di John Voorhees per MacStories – per esempio il sistema per convertire in massa i Comandi rapidi dentro Monterey – si capisce, che come comunità, saremmo sciocchi a non applicarci sull’enorme vantaggio competitivo che ci viene messo in mano gratis.

Familiarizziamo con i Comandi rapidi, che tra l’altro continuano ad affinarsi, allargare il campo di utilizzo, migliorare l’interfaccia.

Per ora si può lasciare un commento dalla pagina apposita di Muut per QuickLoox . I commenti torneranno disponibili in calce ai post appena possibile.

quickloox