QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

4 nov 2022 - Software

La libertà per ventidue euro

Mi si ricorda che John Gruber non sopporta Arial e Courier New , i font infestanti con cui Microsoft combatte la tipografia fatta come si deve e la libertà di espressione conseguente. In fin dei conti è una delle ragioni positive per cui seguo Gruber.

Vengo a sapere che Gruber ha chiesto a Jeff Johnson, sviluppatore di StopTheMadness , di aggiungere una funzione per cambiare automaticamente il font delle pagine web visitate, nel caso ci siano tracce di infezione da Arial e Courier New.

Johnson risponde che lo si può già fare a partire dalle opzioni di configurazione di StopTheMadness. E Gruber, a contorno, spiega come visualizzare le pagine in San Francisco , il font istituzionale di Apple, se desiderato.

Tutto questo è bellissimo, prima di arrivare al punto: non sapevo che esistesse StopTheMadness. È un’estensione per Safari su Mac e iPhone / iPad che elimina una lista di comportamenti ostili all’utente messi in campo da un numero crescente di siti web.

La lista è lunga e inquietante. Ci siamo dentro tutti i giorni ma non ci si pensa. Ci dovremmo pensare. Il prezzo getterà nella disperazione le persone abituate a discettare gravemente di inezie semi-inutili che costano un decimo o un ventesimo.

Consiglio, per una volta, di leggere bene la descrizione su App Store. Leggerla tutta. Comprenderla. Pensarci sopra. E poi decidere se vale più tenersi il denaro in tasca oppure ritornare all’epoca in cui un sito era al servizio di chi navigava, invece del contrario.

quickloox