Content tagged Mac mini

E io ci lavoro pure
posted on 2021-02-06 01:50

Come pensiero della notte, questa considerazione di Matt Birchler:

Il mio lavoro quotidiano è un misto tra designer e product owner e non sarei in grado di svolgerlo da un iPad. […] Inoltre mi occupo di un canale YouTube e, mentre posso fare sul mio iPad la maggior parte del lavoro necessario, mi ritrovo a gravitare verso il mio vecchio Mac mini. Potrei svolgere il lavoro da iPad, eppure scelgo di farlo su un Mac molto più lento.

Tutto questo sembra condannare iPad, ma ecco che cosa succede: fuori da questi due ambiti, mi godo molto più iPad di Mac. Praticamente ogni altra cosa che faccio, che ammetto essere attività di tipo più leggero, accade su iPad. Scrivere questo post, leggere le notizie, sbrigare la posta, scrivere da freelance, modificare le foto in Lightroom, registrare e modificare audio, creare la mia newsletter, gestire le attività relative ai miei progetti YouTube, guardare video YouTube, parlare con gli amici, organizzare l’agenda e perfino rifinire il mio codice per questo sito: tutto avviene su iPad.

Ammetto che la mia suddivisione dei compiti sia più equilibrata: grosso modo sto metà del tempo su Mac e metà su iPad. L’essenza della constatazione di Birchler, tuttavia, si applica anche al mio fare. Su Mac avvengono le attività più impegnative, sicuramente, ma lo svolgere le attività più leggere è più piacevole su iPad.

E il lavoro che non posso tecnicamente svolgere su iPad, a differenza sua, sarà forse il cinque percento del totale.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La regola dei terzi
posted on 2021-01-31 01:52

La versione di lusso del mio Mac mini 2018, con processore i7, da nullafacente consuma 19,9 watt; a piena potenza, arriva a 122. Il calore emesso è di 68 British Thermal Unit orarie (Btu/h) a riposo, 417 Btu/h sotto stress.

Lo dice una pagina di supporto Apple dedicata al consumo energetico di Mac mini.

Un Mac mini M1 del 2020 consuma, da nullafacente, 6,8 watt: un terzo. A piena potenza, 39 watt. Sempre un terzo. Il calore emesso a riposo ammonta a 23,2 Btu/h; immagina quanto potrebbe essere, sì, è un terzo. Al massimo arriva a 133 Btu/h. Meno di un terzo.

Sembrerebbe, il nuovo Mac mini, la versione risparmiosa di chi pensa più alla bolletta che alle prestazioni. Non fosse che, oltre a consumare un terzo dell’energia, va (molto arrotondato) un terzo più veloce.

Macchine più frugali ne abbiamo; macchine più potenti ne abbiamo; macchine che sono contemporaneamente più frugali e più potenti, beh, dobbiamo ancora renderci pienamente conto di come M1 rovesci il tavolo di gioco e cambi bruscamente le regole.

John Gruber su Daring Fireball mostra una versione più leggibile della tabella dei consumi, che comprende più modelli. C’è da stropicciarsi gli occhi.

Interessante è il commento di Gruber, secondo il quale la cronologia degli ultimi modelli di Mac mini, in breve, racconta la storia di come i processori Intel siano arrivati a sviluppare troppo calore per gli standard di Apple, nel tentativo di generare prestazioni all’altezza delle aspettative e di come Apple si sia resa conto di avere bisogno di una generazione extra di Mac da scrivania prima di poter contare su Apple Silicon.

Il che spiegherebbe la lunga attesa di un Mac mini tra 2014 e 2018; Intel non riusciva a tirare fuori processori adeguati e Apple contava su Apple Silicon, che però non era ancora pronto. Per cui, diciamo nel 2017, ha deciso di fare uscire comunque un nuovo Mac mini, seppure ancora Intel.

Il mio Mac mini è stato un riempitivo nella linea di prodotto. E poi uno si chiede perché affrontare una transizione di architettura così impegnativa.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Eleganza terminale
posted on 2021-01-20 00:35

Giusto ieri parlavo del mio tour tra Pages e WordPress per arrivare ad avere del testo Html editabile in BBEdit. Oggi è arrivato MacMomo a spiegarmi una cosa semplice, elegante, potente.

§§§

Penso che una soluzione semplice sia usare il comando da Terminale textutil, che permette di elaborare i vari formati di testo.

L’idea è questa:

  • selezioni e copi il testo dal file di Pages (ma potrebbe anche essere Word o TextEdit);
  • esegui questo comando da Terminale: pbpaste | textutil -stdin -convert html -stdout | pbcopy;
  • incolli l’HTML ottenuto dove ti pare.

Il comando in pratica incolla il testo copiato e lo passa direttamente a textutil che lo converte in HTML e lo ri-copia negli appunti.

In questo modo penso sia più rapido ed eviti il problema delle foto, che vengono bypassate.

Chiaramente poi non è detto che l’HTML così ottenuto sia perfetto per i propri scopi, ma nel caso penso basti BBEdit per editarlo come si preferisce… ;)

P.S.: il comando può anche essere salvato come alias all’interno del file .bash_profile, così da averlo rapidamente con un scorciatoia a piacere.

Tipo: alias 2html='pbpaste | textutil -stdin -convert html -stdout | pbcopy'

§§§

Se serviva spiegare a chiare lettere come l’interfaccia grafica sia un grande aiuto, ma il Terminale è un’arma formidabile, ecco fatto. Grazie!

Il test del documento formattato
posted on 2021-01-19 01:57

Procedo con l’esperienza in Big Sur, che per il momento trovo neutra. Qualcosa forse era meglio prima, qualcosa forse è meglio adesso, almeno rispetto alle parti evidenti del sistema.

Sotto il cofano invece… uno dei lavori che svolgo prevede la pubblicazione di articoli su WordPress. Capita, anche nel 2021, che arrivi un file Pages (quantomeno Pages e non Word, già qualcosa) con tutta una serie di formattazioni interne e anche le foto.

Non esiste al mondo che io faccia editing dentro WordPress, quando ho a disposizione BBEdit. Quindi la prima cosa da fare è disporre del testo in formato testo, preferibilmente Html.

Il punto è che molte delle formattazioni presenti nel sorgente sono utili e, con sforzo minimo, sono già una parte di lavoro fatto. Se esporto da Pages posso tutt’al più ottenere un file ePub, che mi porta di parecchio fuori strada.

Quello che posso fare è selezionare tutto il testo su Pages e incollarlo sull’editor Visuale di WordPress (lo ammetto: WordPress serve di sicuro almeno a una cosa). Poi commuto la visione in quella di Testo e, direbbe il milanese imbruttito, taaac!, ho pronto il mio Html da riversare in BBEdit dove posso editarlo come si deve, con tutti gli strumenti che servono per fare prima, meglio e in fretta.

Selezionare tutto il testo in Pages, però, significa copiare e incollare in WordPress anche le immagini. Queste mi dimentico sempre di eliminarle prima di passare da Visuale a Testo; nel passaggio a Testo diventano codifica binaria lunga poco più delle dimensioni native dell’immagine. Se ci sono tre immagini nel testo, significa aggiungere tipo mezzo milione di caratteri all’articolo.

Arrivo finalmente al punto. Sul mio Mac mini, Safari ha sempre boccheggiato nel passare questo test. Ci mette del tempo ed è ragionevole, ma poi capita che si pianti oppure addirittura che si chiuda. Molte volte sono passato da questo workflow lavorando per scelta su iPad Pro, dove l’operazione ha più probabilità di riuscita.

Fino a ieri. Oggi Safari su Mac mini ha completato l’operazione nel giro di un paio di minuti e poi mi ha restituito il controllo con noncuranza. Nessun problema. Il file era sui duecentoquarantamila caratteri, certo non uno dei più grossi, ma perfettamente in grado di creare problemi nella mia esperienza.

Tutto ha funzionato. L’unica cosa differente rispetto a prima delle vacanze, nella mia configurazione, è che ora lavoro su Big Sur. Prima ero fermo a Mojave. In qualche modo, l’impalcatura sottostante Safari – quindi a un sacco di componenti del sistema – è più solida.

Shopping selvaggio
posted on 2021-01-17 01:22

Oggi ben due acquisti: un hard disk Toshiba portatile da due terabyte da usare come Time Machine per Mac mini e un bundle di giochi Toca Boca per il sollazzo della primogenita su iPad.

Da molto tempo non acquistavo dischi rigidi, grazie a babbo Natale; questo è il primo sopra il terabyte, costato una sessantina di euro su Amazon, scelto senza particolari criteri tra una gamma assai numerosa.

Collegato, formattato Mac, in opera. Niente da segnalare, cosa che per un hard disk destinato al backup è un grande complimento. Nota di merito, l’assenza di inutilware dentro il disco: mai sopportate le utility incorporate, che servono a niente e chiedono solo di essere cancellate alla svelta. Un hard disk degno di questo nome si può amministrare con le utility di sistema, senza bisogno di altro.

Il bundle Toca Boca si compone di otto app a diciotto euro; due le avevo già ma il prezzo valeva comunque la pena. Spendere qualche soldo in buone app per una seienne è rinfrancante; sono sempre alla ricerca di buone app giocose gratuite e disposto ad accettare una presenza pubblicitaria decorosa oppure la presenza di acquisti in-app (la seienne in questione, a prescindere dalla protezione offerta da Face ID contro gli acquisti indebiti, sa di non dover spendere soldi veri e lo mette perfettamente in pratica) e ultimamente rimango spesso deluso.

È diventato esageratamente facile trovare su App Store app-clone fatte in serie, ripetitive in modo disturbante nel gameplay, che si pubblicizzano a vicenda in modo ossessivo, con trailer continui che prendono più tempo del gioco vero e proprio. È una deriva simile a quella dei video su YouTube dove si aprono uova con sorpresa o si colorano disegni e spero che sfiorisca prima possibile. Scegliere software gratuito comporta ovviamente un tasso molto elevato di cancellazione di app non adatte o non all’altezza delle aspettative, ma queste non sono più app fatte in economia, bensì puri vettori di pubblicità fini a se stessi, senza la minima attenzione verso il pubblico.

Stiamo parlando del miglior store di app al mondo e mi vengono i brividi pensando a che cosa possa essere in corso su Play Store, se App Store indulge in questo livello infimo di qualità, che non è così da sempre e però non è mai stato così diffuso, a giudicare dalla facilità con cui capita di imbattersi in questi prodotti.

This blog covers 1Writer, 512 Pixels, Adium, Adobe, AirPort Express, AirPort Extreme, AirTable, All About Apple Museum, Altroconsumo, Amd, App Store, Apple, Apple Arcade, Apple II, Apple Silicon, Apple Store, AppleDaily, AppleScript, Aqua, Aqueux, Arm, Ascii, Asymco, BBEdit, Backblaze, Beeper, Big Sur, Bing, BirchTree Mac, BlastDoor, Bruno Munari, Catalina, Cbs, China Railway Shenyang, Clubhouse, Coleslaw, Come un ombrello su una macchina da cucire, Common Lisp, Cortana, Covid-19, Dalian, Dan Peterson, Daring Fireball, Dediu, Disqus, Dock, Drafts, Editorial, Erc, Excel, Exchange, Facebook, Feedly, Flash, Franco Battiato, G3, Geneforge 1 - Mutagen, GitHub, Google, Google Play, Hafnium, Happy Scribe, Hemlock, Hey, HomePod Mini, Horace Dediu, Html, Incunabolo, Internet Relay Chat, Irc, It is better to be a pirate than join the Navy, Ivacy, Jason Snell, JavaScript, Jeff Vogel, John Gruber, Kansas City Chiefs, Krebs, Lightroom, Liguria, Linux, Lisp, Luca Bonissi, M1, Mac, Mac OS X, Mac mini, MacBook Pro, MacMomo, MacSparky, Macintosh, Macintosh Plus, Mail, MarK Twain, Marco, Markdown, MarsEdit, Matt Birchler, Mavericks, MessagePad, Microsoft, Mike D’Antoni, Mission Control, Mojave, Mount Sinai, Muut, Nasa, NetNewsWire, Newton, Newton Press, Nokia, Notre-Dame, NovaChat, OS X, Olimpia, Ordine dei Giornalisti, Pages, Paolo Attivissimo, Patrick Mahomes, Pdf, Perseverance, Photoshop, PowerBook Duo, PowerPC, PowerPoint, Preferenze di Sistema, Project Zero, Python, Queen, QuickLoox, Radio.Garden, Rai, Raspberry Pi, Reddit, Rss, Ryzen, Safari, Sars, Savona, Simone Aliprandi, Six Colors, SkilledObject, South African Revenue Service, Spiderweb Software, Steve Jobs, Stevie Wonder, Sudafrica, Super Bowl, Swift, Taio, Tampa Bay Buccaneers, Tech Reflect, Tesla, Textastic, The Eclectic Light Company, The Verge, Think Different, Thoughts on Flash, Toca Boca, Tom Brady, Toshiba, Trillian, Tweetbot, Twitter, TypeScript, Visual Studio, Visual Studio Code, Vpn, VxWorks, West Coast, Windows, Windows Phone, Word, WordPress, Yoda, YouTube, Zune, adware, cookie, coronavirus, ePub, emacs, hyper key, iBooks Author, iMessage, iOS, iOS 14.5, iPad, iPad Pro, iPhone, iPhone 12 mini, iPhone 6, iPod, isso, macOS, malware, npm, privacy, rsync, sandbox, soup, walled garden, zip, Arcade, tv

View content from 2021-03, 2021-02, 2021-01


Unless otherwise credited all material Creative Commons License by lux