Content tagged LambdaMOO

I danni del gioco (mancato)
posted on 2021-06-01 01:26

Per fortuna ho dato retta a Paolo e considerato 50 Years of Text Games qualcosa di speciale oltre che un racconto carino di retrocomputing.

La trattazione di LambdaMOO, 1990, impressiona.

Tempi in cui Internet era in gestazione e però le persone cominciavano a incontrarsi e a scoprire mondi online.

Nei Mud canonici occorrevano molte ore di gioco, padronanza dei meccanismi dello stesso e un buon grado di carisma e capacità di rapportarsi con gli altri, per diventare un wizard, un mago.

Il wizard disponeva di immenso potere dentro il gioco e sul gioco. Per esempio poteva espellere altri giocatori.

LambdaMOO rovesciò l’approccio mettendo a disposizione di tutti, subito, ogni potere possibile. Compreso quello di programmare nuove locazioni, nuovi oggetti, nuove avventure, purché coerenti con un impianto di base.

Un vero esperimento sociale, con la crescita turbinosa, le esperienze molteplici, la creatività sorprendente, la dilatazione vertiginosa dei confini.

E poi l’inevitabile scandalo con sfaccettature di sesso e violenza ancorché virtuali, la difficoltà nel conciliare punti di vista troppo differenti, il problema di governare una comunità di persone abilitate ad agire senza limitazioni, alcuni casi di dipendenza. Certi tratti della natura umana sono immodificabili e finiscono per manifestarsi ovunque si raggiunga una massa critica di persone e interazioni tra le persone.

Trent’anni dopo, LambdaMOO non è un esperimento sociale, ovviamente. Altrettanto ovviamente viene ancora praticato (i Mud non muoiono mai, come il rock’n’roll per Neil Young). Ovviamente per la terza volta, l’animazione al suo interno non è più quella degli anni d’oro.

Quando un giocatore rimane troppo tempo senza collegarsi, il suo avatar appare dormiente: vagabondare oggi dentro la mappa dà l’idea di esplorare un regno incantato di belle addormentate, alcune da decenni.

Tuttavia, quando un mondo è programmabile, resta vivo e vitale anche quando le forze che sostengono si affievoliscono:

Eppure la Lambda House continua a intrigare. L’esplorazione resta magica in perpetuo: a differenza di un gioco scritto da un singolo autore, qui è impossibile trovare i limiti del modello del modello o il bordo della mappa. Al prossimo oggetto domani qualcuno potrebbe aggiungere un altro verbo per interagirci e dietro ogni angolo occhieggia un nuovo dominio che attende esploratori freschi. Ascoltare una conchiglia dietro un gazebo trasporta in un pigro paradiso tropicale; azionare una scatola musicale in una radura nascosta, evoca figure spettrali che interpretano un quadro teatrale di Keats. Stanze con descrizioni dinamiche che rispondono alle stagioni e alla ciclicità del giorno macinano un’ora dopo un’altra, mentre sopra lune virtuali attraversano le loro fasi. Anche se la maggior parte delle persone se ne è andata, il codice che hanno lasciato dietro di sé mantiene Lambda House viva.

Trent’anni fa non c’era Internet, ma in LambdaMOO c’era già tutto, comunità, social, algoritmi, dinamiche di gruppo, problematiche di governance, gestione di risorse di rete, wisdom of the crowd, anche purtroppo il bullismo o la mancanza di rispetto per gli altri o lo spregio verso il bene comune. Appunto, tutto vuol dire tutto.

Se più gente avesse partecipato a LambdaMOO, oggi Internet sarebbe un posto migliore.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

This blog covers 1802, 1Password, 1Writer, 276E8VJSB, 50 Years of Text Games, 512 Pixels, AAC, AI, AR, Acer, Adium, Adobe, AirPods, AirPort Express, AirPort Extreme, AirTable, AirTag, Akko, Al Evans, Alac, All About Apple, All About Apple Museum, Altroconsumo, Amazon, Amd, Anagrafe, Android, Andy Hertzfeld, Anteprima, App Store, App Tracking Transparency, Apple, Apple Arcade, Apple Distinguished School, Apple Gazette, Apple II, Apple Music, Apple Park, Apple Silicon, Apple Store, AppleDaily, AppleInsider, AppleScript, Aqua, Aqueux, Arm, Ars Technica, Ascii, Asymco, Audion, Automator, Axios, BBEdit, Backblaze, Bandley Drive, Basecamp, Battle for Polytopia, Beeper, Bell Labs, Benjamin Clymer, Big Mac, Big Sur, Bing, BirchTree Mac, BlastDoor, Braille, Bruno Munari, Cap’n Magneto, Carbon, Carbon Copy Cloner, Carlo Canepa, Cartoonito, Catalina, Cbs, Chaplin, Cheetah, China Railway Shenyang, Cina, Clubhouse, Coleslaw, Comandi rapidi, Come un ombrello su una macchina da cucire, Common Lisp, Comune, CorpoNazione, Cortana, Covid, Covid-19, Creative Cloud, Cupertino, DaD, Dad, Dalian, Dan Peterson, Daring Fireball, Dediu, Dell, DisplayPort, Disqus, DocC, Dock, Dolby Atmos, Dolphin, Doom, Dortmund, Dr. Drang, Drafts, DuckDuckGo, Dungeons and Dragons, Edimburgo, Edinburgh Learns for Life, Editorial, Elio e le Storie Tese, EpocCam, Erc, Everyone Can Create, Excel, Exchange, ExtremeTech, Eyepatch Wolf, Fabio Massimo Biecher, FaceID, Facebook, Federico Viticci, Feedly, Finder, Flac, Flappy Birds, Flash, Flavio, Flurry Analytics, Fondazione, Ford, Franco Battiato, Frix, Fsf, Fëarandil, G3, GQ, Geekbench, Geneforge 1 - Mutagen, Gianni Catalfamo, Giorgio Dell’Arti, GitHub, Gizmodo, Gnu, Go, Google, Google Play, Gplv3, HP, HP Smart, Hafnium, Halide, Happy Scribe, Hdmi, Hearthstone, Hemlock, Hewlett-Packard, Hey, Hii, Hodinkee, HomePod Mini, Horace Dediu, Html, Huawei, Il ritorno del Re, Il vitello dai piedi di balsa, Immuni, Incunabolo, Insegnanti 2.0, Inside Macintosh, Intel, Internet, Internet Explorer, Internet Relay Chat, Irc, Isaac Asimov, It is better to be a pirate than join the Navy, Ivacy, Jacob Kaplan-Moss, Jason Snell, JavaScript, Jeff Bezos, Jeff Vogel, Joanna Stern, John Gruber, John Perry Barlow, Jonathan Ive, Jägermeister, Kagi, Kansas City Chiefs, Krebs, LG, La classe capovolta, LambdaMOO, Larry Wall, LaserWriter, LibreItalia, LibreOffice, Lidar, Lightroom, Liguria, Linus Torvalds, Linux, Lisp, Luca Accomazzi, Luca Bonissi, Lucy Edwards, Lux, M1, M118dw, Mac, Mac OS X, Mac mini, MacBook Air, MacBook Pro, MacMomo, MacRumors, MacSparky, MacStories, Macintosh, Macintosh Plus, Macworld, Mail, Mailchimp, MarK Twain, Marco, Markdown, MarsEdit, Martin Peers, Matt Birchler, Matteo, Matthew Cassinelli, Mavericks, Mediaworld, Medium, Meet, Memoji, MessagePad, Microsoft, Mike Bombich, Mike D’Antoni, Mission Control, Mission Impossible, Model One Digital+, Model T, Mojave, Mount Sinai, Mp3, Muut, Nanchino, Nasa, Neil Young, NetHack, NetHack Challenge, NetNewsWire, New York Times, Newton, Newton Press, Nicola D’Agostino, Nokia, Notifiche, Notre-Dame, NovaChat, OBS Camera, OBS Studio, OS X, Object Capture, OldOS, Olimpia, OpenDocument, OpenDocument Reader, Ordine dei Giornalisti, P3, PageMaker, Pages, Panic, Paola Barale, Paolo, Paolo Attivissimo, Parallels, Patreon, Patrick Mahomes, Pdf, Penn, People, Perl, Perseverance, Pfizer, Philip Elmer-DeWitt, Philips, Photoshop, Pixel Envy, Plan 9, Play Store, Playdate, PowerBook, PowerBook Duo, PowerPC, PowerPoint, Preferenze di Sistema, Pro Display Xdr, Procter & Gamble, Project Zero, Python, Queen, QuickLoox, Radio.Garden, Rai, RaiPlay Yoyo, Raspberry Pi, Raymond, Raz Degan, Recenti, Reddit, Richard Stallman, Rss, Runescape, Ryzen, Safari, Samsung, Sars, Savona, Scott Forstall, Screen Time, Scripting, Shortcuts, Shortcuts Catalog, Simone Aliprandi, Six Colors, SkilledObject, Slack, Sony, South African Revenue Service, Spaces, Spatial Audio, Spid, Spiderweb Software, St. Therese Catholic Primary School, Steve Jobs, Stevie Wonder, Storie di Apple, Sudafrica, Super Bowl, Super Mario Bros, Swift, Swift Playgrounds, SwiftUI, Taio, Tampa Bay Buccaneers, Teams, Tech Reflect, Teller, Tempi moderni, Terminale, Tesla, TextEdit, Textastic, The Briefing, The Eclectic Light Company, The Information, The Motley Fool, The Verge, Think Different, Thoughts on Flash, TikTok, Tim Cook, Tivoli, Tivoli Audio Art, Toca Boca, Tom Brady, Tom Taschke, Tommaso, Toshiba, Travis Holm, Trillian, Trilogia Galattica, Tweetbot, Twitter, TypeScript, U1, Unix, Utf-8, Vesa, Visual Studio, Visual Studio Code, Vpn, VxWorks, WWDC, Walkman, West Coast, Windows, Windows Phone, Wired, Wishraiser, Word, WordPress, World of Warcraft, Wwdc, Xcode, Xdr, Xi, Yoda, YouTube, Zoom, Zune, adware, cartelle smart, cookie, coronavirus, cybersecurity, desktop publishing, ePub, emacs, emoji, hyper key, i3, iBooks Author, iCloud, iMac, iMessage, iMovie, iOS, iOS 14, iOS 14.5, iOS 14.5.1, iPad, iPad Pro, iPadOS, iPadOS macOS, iPhone, iPhone 12 mini, iPhone 6, iPhone 6s, iPhone SE, iPod, iTunes, isso, jailbreak, lossless, macOS, macOS 11.4, malware, npm, open source, privacy, programmazione, remote working, rsync, sandbox, scuola, setteBit, software, soup, tag, uptime, walled garden, watchOS, x86, zip, Arcade, tv, watch, watch SE

View content from 2021-06, 2021-05, 2021-04, 2021-03, 2021-02, 2021-01


Unless otherwise credited all material Creative Commons License by lux