Content tagged Covid

Dall’altra parte
posted on 2021-07-26 00:49

Nella mia bolla sociale sono esplosi i commenti sull’opportunità di vaccinarsi o meno, suppongo a valle delle polemiche sulla necessità di certificazione e relativo green pass a partire dai primi di agosto.

Scopro le mie carte subito, così chi vorrà prendersela con me lo farà per questo e non per quanto dirò dopo: sono giustappunto reduce dalla seconda dose. Se in generale condivido l’idea del green pass, comunque l’Italia lo trasformerà all’italiana in un papocchio indegno e questo andrebbe evitato, perché ci costerà molto e sarà sommamente inutile.

Ma non era questo.

Ho letto molte, molte cose in questi ultimi giorni e noto che nella maggioranza dei casi si tratta di un fronte di opinione che vuole convincere delle proprie ragioni, mentre l’altro fronte controbatte sulle ragioni.

Non ho mai assillato persone perché passassero a Mac; semmai era il contrario, un sacco di gente che usava Windows mi assillava per farmi passare a Windows. E controbattevo i loro tentativi di convincimento.

Sono un tiratardi. Non ho mai provato a convincere chicchessia sull’opportunità di alzarsi tardi, mentre ho sentito predicozzi a tonnellate di chi voleva che io mi alzassi presto. Anche qui, non ho mai avuto ragioni particolari per alzarmi tardi e, se ho risposto, ho controbattuto gli argomenti per alzarsi presto.

Potrei andare avanti ma posso già concludere. Quando c’è gente che vuole convincermi a tutti i costi delle sue ragioni, per certo io sto dall’altra parte. A volte mi è costato, a volte ci ho guadagnato, tuttavia mi sono sempre trovato meglio così. Uso Mac, mi alzo tardi quando posso e mi sono vaccinato contro il Covid.

Non voglio convincere nessuno.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Analogici con il digitale degli altri
posted on 2021-03-18 01:45

Si è costituita pochi giorni fa una Rete Nazionale Scuola in Presenza la quale, come dice il nome, si batte per la riapertura delle scuole… errore: l’iniziativa, per come è scritto nella pagina del gruppo Facebook, serve a raccogliere e diffondere le iniziative contro la DAD a livello nazionale.

C’è una sottile differenza e significativa, nell’ambito di una tendenza che durante quest’anno è stata segnalata più volte: il vero centro di interesse non è affatto la riapertura della scuola, ma la lotta contro l’uso del digitale, di cui chiaramente le lezioni remote sono la manifestazione più evidente. Nonché l’unico modo di fare scuola che per mesi abbiamo avuto a disposizione e senza il quale ci sarebbe stato il vuoto assoluto.

Sarebbe facile fare ironia sul fatto che la rete contro la didattica a distanza si nutre di Facebook e web; invece la questione è più seria perché si tratta di persone disposte alla manipolazione e alla distorsione dei fatti pur di prevalere.

La Rete si compone di più gruppi in giro per l’Italia, compreso A scuola! che gravita su Milano e lancia una manifestazione per domenica 21 marzo in piazza Duomo, dove esibire bandiere bianche perché la scuola non ha colore, maschere integrali bianche a testimoniare l’alienazione dei nostri figli, cappelli a cono d’asino per denunciare la dispersione scolastica, campanelle da suonare, zaini da disporre a scacchiera, disegni dei ragazzi da esporre sugli zaini e… ragazzi seduti vicino al loro zaino, elencati nella lista al pari delle bandiere e delle campanelle.

Che tuo figlio sia uno strumento di protesta da esibire in piazza è discutibile e l’idea di affollare una piazza in una giornata in cui moriranno tipo quattrocento persone per via di una pandemia molto contagiosa mi sembra poco qualificante; tuttavia il confronto delle idee è sacro e guai a chi volesse censurare un’idea, per quanto reprensibile.

Però non puoi barare al gioco. False informazioni, pseudoverità, mezze bugie non sono ammesse. E qui cascano alcuni asini, anche senza cappello a cono.

Leggo la pagina e, nonostante un link interno non funzionante (forse l’Html non è materia degna di apprendimento nel 2021?), vedo che si appropriano dell’articolo 34 della Costituzione. Avrebbero ragione loro perché, citano, la scuola è aperta a tutti. Ecco, il senso di quella frase è un altro. Non so, di notte le scuole sono chiuse, o la domenica. Non ci si riferisce all’apertura fisica.

Rigettano l’uso prolungato e indiscriminato della Didattica a Distanza. Anch’io, e chi non lo farebbe? Ma posso sapere che cosa vuole dire prolungato e indiscriminato? La scuola di mia figlia quest’anno ha fatto i salti mortali per aprire in sicurezza e per restare aperta. Un venerdì pomeriggio sono uscite da scuola tre classi su diciannove; le altre sedici erano in quarantena per contagi di bambini, genitori, parenti. Nessuno voleva chiudere. Ora hanno chiuso, mia figlia fa lezione in remoto e le insegnanti stanno facendo un lavoro spettacolare. Chiaro che in altri posti andrà magari meno bene, per mille ragioni, o ancora meglio, per mille altre. Dove sta però il prolungamento, dove sta l’indiscriminazione? Vedo della farneticazione, piuttosto.

Dicono che la tutela della salute psicofisica [è] gravemente minacciata in bambini e adolescenti. Vero. E poi:

La prolungata mancanza di socialità e di una sana relazionalità didattica sta determinando tra i giovanissimi un allarmante aumento dei casi di tentato suicidio e di autolesionismo, mentre la scarsa attività fisica e il dilatarsi del tempo trascorso davanti a tablet e PC inducono l’aumento dei casi di pubertà precoce.

Nel primo caso si fa riferimento a un articolo di Huffington Post su cui ci sarebbe da scrivere un post dedicato. Il tema è delicato anche se riguarda numeri piccoli rispetto alla popolazione scolastica, ma anche un solo ragazzo in difficoltà merita rispetto. Solo un commento a margine: le scuole sono definite gli spazi in cui si possono infrangere le regole sotto lo stretto controllo dell’adulto. Insomma.

La manipolazione più grave è quella del secondo caso. La scarsa attività fisica e il dilatarsi del tempo trascorso davanti a tablet e PC inducono l’aumento dei casi di pubertà precoce.

Sarebbe una questione esplosiva. Disgraziatamente, lo studio scientifico cui si fa riferimento esplora un aumento dei casi di pubertà precoce a causa del lockdown; non a causa dei tablet o della mancanza di attività fisica. Certamente, durante le chiusure succede anche questo; ma sono semmai concause e non i primi responsabili, come si lascia intendere.

E poi che cosa c’entra questo con la scuola in presenza? Mia figlia, nell’orario in presenza, fa attività motoria un’ora alla settimana. Questa è esattamente scarsa attività fisica; la mancanza di attività fisica degna di questo nome è un danno grave che la scuola in presenza infligge ai bambini. I quali, per la maggior parte del tempo, passano la scuola in presenza seduti.

Ah, lo studio copre il periodo da marzo a settembre 2020; in altre parole, per metà dell’arco di tempo coperto le scuole erano chiuse. Tutte, in presenza e pure online. Alla fine dello studio si legge che, per stabilire veramente una correlazione tra fattori patogeni specifici e pubertà precoce, occorrono altri studi e campioni più numerosi. Ovvero, si fa dare per scontata allo studio una semplice ipotesi di lavoro.

Questi sono i passaggi più gravi. Ci sarebbe da scrivere per ore. Questo, per esempio:

Le Istituzioni si devono adoperare per mettere in atto rapidamente tutte le misure necessarie allo svolgimento delle lezioni in sicurezza e in presenza per ogni ordine e grado di istruzione.

[Risate amare] È un anno che siamo in pandemia. Rapidamente? Forse il problema non è proprio la Dad, ma chi prende decisioni inefficaci e sconsiderate. Se scendono in piazza per mandare a casa il ministro della Salute, mi metto in prima fila. Se invece manifestano contro la Dad, come facciamo a salvare il salvabile, senza lezioni online e con governanti incapaci di mettere le scuole in sicurezza?

Tutti vogliamo che riaprano le scuole. Io non voglio che riaprano per tornare indietro di cinquant’anni. La scuola deve offrire il meglio dell’analogico e il meglio del digitale, armonizzati e bilanciati. Perché esiste una didattica sola, a volte in presenza e altre volte a distanza. Tutti i compiti che doveva sbrigare mia figlia a casa dopo otto ore di scuola in aula mi sembravano un’idiozia ed erano didattica a distanza bella e buona, anche se interamente analogica.

Chi vuole fare l’analogico con il digitale degli altri si faccia le sue di scuole, già ce ne sono di bellissime, la Costituzione non batte ciglio. Non si ha l’idea di quanto e bene si possa imparare online con buoni docenti e buoni metodi. La socialità, certo. È una foglia di fico. Si mettano in sicurezza le palestre per poter fare tutto quello sport, necessario, che la scuola schifa, e che sviluppa la socialità assai meglio delle lezioni frontali d’antan.

Visto infine che questa è gente che gioca sporco, un paragrafo insinuante me lo concedo. Non voglio neanche approfondire, ma sono convinto che dietro al sito di A scuola! ci sia una persona che di mestiere fa la creative strategist di una agenzia molto digitale e molto creativa.

Tutti volontari, eh. Ma per fare guerra al digitale nella scuola, qualcuno mette soldi per pagare competenze.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

In un modo o nell’altro
posted on 2021-03-16 01:53

Ho lasciato stare il più possibile la faccenda della pandemia, solo che oggi era praticamente impossibile riuscire a trattenersi.

Di fronte a quello che accade e che lascia a dire poco sconcertati, l’unica risposta che riesco a dare è tenere presente Tommaso.

Un sacco di gente si batte a parole perché Tommaso vada a scuola in aula e, nei fatti, agisce perché stia a casa.

L’unico lato positivo di tutta questa faccenda è che, alla fine, vincerà lui comunque vada. E il suo compagno di programmazione, e gli altri compagni, e tutti questi bambini e ragazzi che avranno tempo di leccarsi le ferite, stanno imparando come matti a dispetto delle prefiche e bagneranno il naso a tutti, virus per primo.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

This blog covers 1802, 1Password, 1Writer, 276E8VJSB, 50 Years of Text Games, 500ish, 512 Pixels, 7Bit, A15, AAC, AI, AR, Aapl, Accademia di Belle Arti, Acer, Adium, Adobe, Adventure, AirBnB, AirPods, AirPort Express, AirPort Extreme, AirTable, AirTag, Akko, Al Evans, Alac, All About Apple, All About Apple Museum, AlphaGo, Alphonse Eylenburg, Altroconsumo, Alyssa Rosenzweig, Amadine, Amazon, Amd, Anaconda, Anagrafe, AnandTech, Android, Andy Hertzfeld, Anteprima, Apollo, App Store, App Tracking Transparency, Apple, Apple //, Apple Arcade, Apple Distinguished School, Apple Frames, Apple Frames 2.0, Apple Gazette, Apple II, Apple Music, Apple Park, Apple Pencil, Apple Silicon, Apple Store, Apple TV+, Apple Watch, Apple Watch Series 7, AppleDaily, AppleInsider, AppleScript, Aqua, Aqueux, Arctic Adventure, Arm, Armstrong, Ars Technica, Arthur Clarke, Ascii, Asymco, Atom, Audacity, Audion, Austin Mann, Australia, AutoCad, Automator, Avventura nel castello, Axios, BBEdit, Backblaze, Badland+, Bandley Drive, Basecamp, Bashcrawl, Basic, Battle for Polytopia, Beeper, Bell Labs, Benjamin Clymer, Big Mac, Big Sur, Bill Gates, Bing, BirchTree Mac, BlastDoor, Borgo Valsugana, Braille, Bruno Munari, Bubble sort, Buzz Andersen, C, CERN, California State University, Canva, Cap’n Magneto, Carbon, Carbon Copy Cloner, Carlo Canepa, Cartoonito, Casa Graziana, Catalina, Cbs, Cessapalombo, Chaplin, Charlie Watts, Cheetah, Chiara, China Railway Shenyang, Chromebook, Cina, Claudio, Clive Sinclair, Clubhouse, Coca-cola, Coleslaw, Colle Giacone, Collegiacone, Comandi rapidi, Comdex, Come un ombrello su una macchina da cucire, Command and Conquer, Commodore 64, Common Lisp, Comune, CorpoNazione, Cortana, Cossignani, Covid, Covid-19, Coyote Cartography, Creative Cloud, Crema, Csam, Css, Csuccess, Cuore di Mela, Cupertino, Cupra Marittima, D&D, DaD, Dad, Dalian, Dan Peterson, Daring Fireball, De André, Debian, Dediu, DeepMind, Degasperi, Dell, Disney, DisplayPort, Disqus, DocC, Dock, Dolby Atmos, Dolphin, Doom, Dortmund, Dr. Drang, Drafts, Drm, DuckDuckGo, Dune 2000, Dungeons & Dragons, Dungeons and Dragons, Dvd, Edimburgo, Edinburgh Learns for Life, Editorial, Edoardo Volpi Kellermann, Edward Snowden, Elio e le Storie Tese, Epic, EpocCam, Epson, Erc, Erica Sadun, Erin Casali, Ethernet, Etherpad, Euro 2020, Europei, Eurovision, Everyone Can Code, Everyone Can Create, Excel, Exchange, Expanded Protection for Children, ExtremeTech, Eyepatch Wolf, F24, Fabio, Fabio Massimo Biecher, FaceID, Facebook, Fai, Federico Viticci, Feedly, Finder, Fitbit, Flac, Flappy Birds, Flash, Flavio, Flurry Analytics, Focus, Folletto, Fondazione, Fondo Ambiente Italiano, Ford, Forrester, Fortnite, Franco Battiato, Frederic Filloux, Frix, FrontPage, Fsf, Fëarandil, G3, GQ, Gagarin, Geekbench, Geneforge 1 - Mutagen, Giacomo Tufano, Gianni Catalfamo, Giardino delle Farfalle, Giorgio Dell’Arti, GitHub, Gizmodo, Gnu, Go, Google, Google Documenti, Google Play, Google Remote Desktop, Google Tensor, Gorizia, Gplv3, Guardian, HP, HP Smart, Hafnium, Halide, Happy Scribe, Harry McCracken, Hdmi, Hearthstone, Hemlock, Hewlett-Packard, Hey, High Sierra, Hii, Hodinkee, HomePod Mini, Horace Dediu, Hp, Html, Huawei, Huffington Post, Il ritorno del Re, Il vitello dai piedi di balsa, IlTofa, Imgr, Immuni, Incunabolo, Ingmar Bergman, Insegnanti 2.0, Inside Macintosh, Instagram, Intel, Intense Minimalism, Internet, Internet Explorer, Internet Relay Chat, Invalsi, Irc, Isaac Asimov, It is better to be a pirate than join the Navy, Ivacy, J. Geils Band, JEdit, Jacob Kaplan-Moss, Jamf, Jason Snell, Java, JavaScript, Jeff Bezos, Jeff Vogel, Jekyll, Joanna Stern, John D. Cook, John Gruber, John Gruber Daring Fireball, John Perry Barlow, John Voorhees, Jon Prosser, Jonathan Ive, Jägermeister, Kagi, Kandji, Kansas City Chiefs, Ken Thompson, Keyboard Maestro, Keynote, Kickstarter, Krebs, LG, La classe capovolta, LaTeX, LambdaMOO, Larry Wall, Las Vegas, LaserWriter, LibreItalia, LibreOffice, Libreitalia, Lidar, Lidia, Lightning, Lightroom, Liguria, Linus Torvalds, Linux, Lisp, Live Text, Lords of Midnight, Love Is the Seventh Wave, LoveFrom, Luca Accomazzi, Luca Bonissi, Luca Maestri, Lucy Edwards, Lux, M.G. Siegler, M1, M118dw, Mac, Mac OS, Mac OS X, Mac mini, MacBook Air, MacBook Pro, MacDailyNews, MacJournals, MacMomo, MacRumors, MacSparky, MacStories, Macintosh, Macintosh Plus, Macworld, Macworld Italia, Mail, Mailchimp, Mappe, MarK Twain, Marc Newson, Marco, Mario, Mark Gurman, Markdown, MarsEdit, Martin Peers, Marvin Minsky, Matt Birchler, Matteo, Matthew Cassinelli, Mavericks, Max Weinberg, McSweeney, Mediaworld, Medium, Meet, Memoji, MessagePad, Micr0soft, MicroUSB, Microsoft, Mike Bombich, Mike D’Antoni, Ming-chi Kuo, Minority Report, Miro, Mission Control, Mission Impossible, Mit Technology Review, Model One Digital+, Model T, Mojave, Monday Note, Monterey, Monti Sibillini, Mosaic, Motorola, Mount Sinai, Mp3, Msx, MultiMarkdown, Muse, Museo Malacologico Piceno, Muut, Nanchino, Napoli, Nasa, Ncmec, NeXT, Neil Young, NetHack, NetHack Challenge, NetNewsWire, Netscape, New York Times, Newton, Newton Press, Nicola D’Agostino, Nive, Noam Chomsky, Nokia, Notebook, Notifiche, Notre-Dame, NovaChat, Numbers, OBS Camera, OBS Studio, OS X, Object Capture, Obsidian, Octopress, Office, OldOS, Olimpia, Olimpiadi, OpenDocument, OpenDocument Reader, OpenRA, OpenZFS, Ordine dei Giornalisti, Orwell, P3, PageMaker, Pages, Pandoc, Panic, Panini, Pantone, Paola Barale, Paolo, Paolo Attivissimo, Paolo Pendenza, Parallels, Patreon, Patrick Mahomes, Pc Magazine, Pdf, Penn, People, Perl, Perseverance, Pfizer, Philip Elmer-DeWitt, Philips, Photoshop, Pixar, Pixar Theory, Pixel 6, Pixel 6 Pro, Pixel Envy, Pixelmator Pro, Plan 9, Play Store, PlayStation, Playdate, Polympics, Polytopia, Power Macintosh 7200/90, PowerBook, PowerBook 100, PowerBook Duo, PowerPC, PowerPoint, Preferenze di Sistema, Pro Display Xdr, Procter & Gamble, Programmatori per caso, Project Zero, Psion, Psion Chess, Python, Ql, Qualcomm, Queen, Queensland, Quick Notes, QuickLoox, R360, Radio.Garden, Rai, RaiPlay, RaiPlay Yoyo, Raspberry Pi, Raymond, Raz Degan, Recenti, Red Alert, Reddit, Redmond, Richard Stallman, Roll20, Rolling Stones, Rs-232, Rss, Runescape, Ryzen, Sabino Maggi, Safari, Salesforce, Samsung, Sars, Sascha Segan, Savona, Scheme, Schoolwork, Scott Forstall, Screen Time, Screens, Scripting, Scuola, Semianalysis, SharePlay, Shazam, Shortcuts, Shortcuts Catalog, Siegler, Sierra, Silverlight, Simone Aliprandi, Six Colors, SkilledObject, Slack, SnapChat, Sony, South African Revenue Service, Spaces, Spatial Audio, Spid, Spiderweb Software, Sputnik, St. Therese Catholic Primary School, Stadia, Start Me Up, Stefano, Stephen Hackett, Stephen Kleene, Steve Jobs, Steve Wozniak, Steven Sinofsky, Stevie Wonder, Stewart Copeland, Storie di Apple, Sudafrica, Super Bowl, Super Mario, Super Mario Bros, Swift, Swift Playgrounds, SwiftUI, Taio, Tampa Bay Buccaneers, Teams, Tech Reflect, Teller, Tempi moderni, Terminale, Tesla, TextEdit, Textastic, The Briefing, The Eclectic Light Company, The Hobbit, The Information, The Internet Tidal Wave, The Motley Fool, The Verge, Think Different, Thoughts on Flash, Thunderbolt, TikTok, Tim Berners-Lee, Tim Cook, Tiobe, Tivoli, Tivoli Audio Art, Toca Boca, Toca Lab: Plants, Tokyo, Tom Brady, Tom Taschke, Tommaso, Torino, Torrent, Toshiba, Travis Holm, Trillian, Trilogia Galattica, Tweetbot, Twitter, TypeScript, U1, USB, USB-C, Unicode, Universal Binary, Unix, Usb-C, Utf-8, Vaccino, Vesa, Vestager, Viktoria Leontieva, Visual Basic, Visual Studio, Visual Studio Code, Vnc, Vpn, VxWorks, WWDC, Walkman, Wendy Molyneux, West Coast, WhatsApp, Wimbledon, Windows, Windows 11, Windows Phone, Wired, Wishraiser, Word, WordPress, World of Warcraft, WorldWideWeb, Wwdc, X-window, Xcode, Xdr, Xevious, Xi, YayText, Yoda, Yoko Shimomura, YouTube, ZX Spectrum, Zoom, Zork, Zune, adware, analogico, azioni, board, business, cartelle smart, cetonia dorata, cookie, coronavirus, curricolo, cybersecurity, desktop publishing, digitale, ePub, emacs, emoji, ffmpeg, hyper key, i3, iBooks Author, iCloud, iMac, iMessage, iMore, iMovie, iOS, iOS 14, iOS 14.5, iOS 14.5.1, iOS 15, iPad, iPad Air, iPad Pro, iPad mini, iPadOS, iPadOS 15, iPadOS macOS, iPhome, iPhome 13, iPhone, iPhone 12 mini, iPhone 13, iPhone 13 Pro, iPhone 14, iPhone 6, iPhone 6s, iPhone SE, iPod, iTunes, iWork, intelligenza artificiale, ipertesto, isso, jailbreak, lossless, mChapters, macOS, macOS 11.4, malware, npm, open source, port forwarding, privacy, programmazione, regex, remote working, rsync, sandbox, scuola, setteBit, software, soup, streaming, tag, uptime, walled garden, watchOS, wiki, x86, zip, Arcade, tv, watch, watch SE

View content from 2021-10, 2021-09, 2021-08, 2021-07, 2021-06, 2021-05, 2021-04, 2021-03, 2021-02, 2021-01, 2018-06, 2014-02


Unless otherwise credited all material Creative Commons License by lux