Toccare il fondo

Written on 2021-09-09 01:24

Trovo tanta verità nella storia di Harry McCracken che quarant’anni fa pubblicò l’avventura testuale Arctic Adventure e oggi, a seguito di una serie di coincidenze fortunate, la ripubblica via web dopo, ed è qui il punto, essersi reso conto di un errore di programmazione che rendeva il gioco originale impossibile da terminare.

Quattro decenni più tardi l’errore è stato emendato e dalla pagina linkata si può apprendere l’intera vicenda, ma anche provare il brivido (appropriato, pensando al titolo) di cimentarsi con Arctic Adventure.

Tanta verità perché il software è più di un listato o di un supporto e perché con una sola semplice mossa si può fare giustizia di tante chiacchiere sulla sopravvivenza culturale dei giochi del passato e sulla perenne questione dei supporti che non dureranno per sempre. Sicuro; ma chi se ne occupa attivamente può aspirare all’immortalità funzionale delle sue opere. Trasposta sul web, Arctic Adventure potrà vivere felice per sempre o quasi.

Sarà possibile perfino arrivare in fondo.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Previous
Next

Unless otherwise credited all material Creative Commons License by lux