Il futuro del design

Written on 2021-07-22 00:05

Studi all’Accademia di Belle Arti di Napoli e ti formi come designer, ma devi anche passare un esame di Web Design, perché il design del XXI secolo è anche questo.

Fortunatamente hai un docente geniale e capace che sa metterti a confronto con Html, Css e JavaScript.

Perché non mostrare a tutti il lavoro fatto, nella veste grafica pensata da ciascuno? Così nasce Programmatori per caso.

Ci sono lavori molto belli. Alcune cose richiedono magari Chrome o Firefox, altre sono magari pesantine, ma sono ragazzi che studiano e fanno ricerca. I loro peccati veniali di gioventù sono niente a confronto di certi web designer del mondo professionale, che evangelicamente filtrano il moscerino e fano inghiottire il cammello al cliente.

Nel guardare il frutto di quest’anno di studio, ricordiamo: sito statico, solo Html-Css-JavaScript. Si può fare ottimo web con semplicità e ottimo risultato, di interfaccia, di fruizione, di esperienza.

Ah: andategli a dire che i computer a scuola non contano, o che bisogna aborrire una lezione via rete se si rischia di perdere tempo di apprendimento. Andte a dire a un designer neodiplomato del 2021 che sono nuove tecnologie, trent’anni dopo che sono state create.

È indecente che la scuola italiana abbia per forza bisogno per salvarsi dei docenti di eccellenza che mettono in ombra le mediocrità. Ma è una gran fortuna che esistano docenti di eccellenza, per il presente di ragazzi che ambiscono giustamente a un futuro degno, da progettare con orgoglio.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Previous
Next

Unless otherwise credited all material Creative Commons License by lux