Content from 2021-06

L’importante è partecipare
posted on 2021-06-30 12:37

Cominciano a brevissimo i Giochi. Diverse discipline, atleti singoli e a squadre uniti sotto vessilli nazionali, competizione che porta a un vincitore e a una classifica ma affratella e riunisce.

Parlo naturalmente dei Polympics, le olimpiadi di Polytopia.

Lancio l’appello a chi giocasse abbastanza forte da poter degnamente rappresentare l’Italia. Sono un giocatore discreto ma non memorizzo, faccio esperimento, prendo strade a volte solo divertenti e non produttive, per cui non riesco a perseguire indefessamente l’obiettivo citius, altius, fortius.

Soprattutto, non riesco a tradurre efficacemente in italiano. Polympiadi? Polytopiadi? Olimpolypiadi? PolyGiochi? Polypiadi…?

(Il nostro gruppo di gioco, intanto, accetta sempre nuove candidature. Chi arriva ultimo lancia la prossima partita…).

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La coperta di Linus
posted on 2021-06-29 01:52

In attesa che qualcuno realizzi davvero la mappa della libertà, per fortuna c’è chi si dà da fare per difendere la libertà di codice. Su qualcosa il software libero dovrà pure girare.

Per fortuna c’è quel computer chiuso, proprietario e inaccessibile che si chiama Mac, per il quale – come avranno fatto? – è iniziato il supporto di Linux relativamente ai sistemi con chip Apple Silicon. (Scrivo Apple Silicon perché a breve scrivere M1 non sarà più comprensivo di tutta l’offerta). Linus Torvalds e compagni hanno iniziato a coprire quello che sarà l’ultimo avamposto di libero pensiero informatico.

Ribadisco la previsione già fatta, da un’altra angolazione: da qui a dieci anni, per usare software veramente libero, molto probabilmente sarà indispensabile un Mac.

Su qualunque altro apparecchio funzionerà solo il Linux-frankenstein, quello sottoposto a lobotomia per funzionare come accessorio sterile e vicolo cieco del sistema operativo su cui si sono appena inventati che sia stato inventato il web.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Oltre le regole
posted on 2021-06-28 10:26

Quanto vale saper applicare lo scripting al computing di ogni giorno?

Uno dei vanti di Hey.com, che costa novantanove dollari l’anno, è la capacità di fare screening della posta elettronica in modo da semplificare l’esclusione di messaggi indesiderati.

Dr. Drang ha fatto una cosa del genere con Keyboard Maestro e poi, non soddisfatto, l’ha replicata in puro AppleScript per andare oltre le regole di Mail applicate manualmente.

Keyboard Maestro costa trentasei dollari. Hey.com offre un sacco di altre funzioni, naturalmente. Si potrebbe argomentare, abbastanza biecamente, che una buona conoscenza di AppleScript vale qualche decina di dollari, moltiplicata per i casi in cui la si mette a frutto.

Non è valore che interessa molto ad Apple, che punta su altri modi per ottenerne. Eppure dovrebbe. Una platea di utenti capace di fare scripting, più capace di altre platee, porterebbe molto valore aggiuntivo alla piattaforma. Speriamo che i Comandi rapidi siano un nuovo inizio.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La luna e il boccione
posted on 2021-06-27 12:50

È arrivato persino il New York Times a porsi il problema della creatività aziendale stimolata, o meno, dalla presenza in ufficio e dagli incontri casuali davanti al boccione dell’acqua o alla macchinetta del caffè.

La risposta del quotidiano è, semplifico, non ci sono dati a sostegno della presenza in ufficio. Viene citata anche l’opinione di Tim Cook, con la quale veniva motivata la posizione Apple di richiedere la presenza per tre giorni la settimana, a parte eccezioni.

L’ho sentita anche da altri: una specie di aura circonderebbe gli incontri occasionali e non previsti, per corridoi e stanze relax, foriera di idee e pensiero anticonvenzionale.

La mia posizione è di scetticismo, per vari motivi. Si fa molto bene brainstorming anche a distanza. Da libero professionista, per la maggior parte del tempo lavoro da solo eppure di idee me ne vengono in continuazione (la loro qualità è un’altra questione). Mi è capitato spesso di avere un’idea e scrivere un messaggio o una email, anche ai tempi delle macchine del caffè.

A questo punto normalmente scatta l’esempio. Quella genialata saltata fuori in pausa pranzo, chiacchierando di tutt’altro, come avremmo fatto senza? È noto che in Apple l’idea di transitare da Motorola 680x0 a PowerPC nacque durante una vacanza sulla neve di alcuni ingegneri.

Certamente nascono idee davanti al distributore delle bibite. Ma anche altrove. Tutta la faccenda mi ricorda la convinzione di alcune ostetriche, secondo le quali la luna piena incoraggia la nascita dei bimbi. Funziona così: nasce un bimbo, guardano fuori dalla finestra, vedono la luna piena, se la ricordano. Quando nasce un bimbo e guardano fuori ma la luna non c’è, non fissano alcun ricordo speciale.

È anche tutto da dimostrare che la presenza in ufficio sia l’unico modo per suscitare idee creative. Magari ne esistono altri migliori, che però non sono mai stati esplorati in decenni di ufficio e boccioni dell’acqua.

Idea: provare davvero a raccogliere dei dati? E mi è venuta dal divano, eh.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La festa dei trent’anni
posted on 2021-06-26 00:25

Nel febbraio del 2019, trent’anni dopo i fatti, il CERN ha ricostruito WorldWideWeb per poterlo fare usare a tutti all’interno di un normale browser e provare la stessa sensazione di quando, nel 1990, il lavoro iniziato l’anno prima da Tim Berners-Lee si concretizzò in un progetto usabile.

WorldWideWeb, notare il nome, è il predecessore della maggior parte di ciò che consideriamo o conosciamo oggi come web.

La pagina offre sezioni di storia, timeline, evoluzione dei sistemi, tipografia, codice, praticamente tutto quello che uno potrebbe volere sapere. Il termine Windows è assente, da ovunque.

A mia notizia, l’appropriazione indebita della nascita del web da parte di Windows è stata notata solo da John Gruber. Le mie osservazioni sono state accolte anche con malcelato fastidio, una cosa tipo sì, un po’ esagerato, ma è solo un po’ meno vero rispetto al dire che in molti hanno conosciuto il web tramite Windows.

Un problema è che la seconda considerazione è certamente vera. Ma il grado di verità esistente nella nascita del web su Windows è zero. È una falsità, non una verità un po’ gonfiata.

Un altro problema, assai più grave, è la risposta a questa domanda: a che serve millantare la nascita del web su Windows all’atto di presentare Windows 11? Ci sono letteralmente miliardi di persone che sono nate dopo il web. Non hanno idea di come sia nato. Non penso che perfino una di queste si farebbe convincere a comprare Windows in virtù di questo fatto. I più anziani sanno come sono andate le cose e se dovevano adottare Windows lo hanno già fatto; oppure non lo sanno, e ugualmente Windows lo hanno già scelto. La quota di chi deve scegliere il primo sistema operativo dentro il pubblico di Microsoft è irrisoria e, comunque, dubito abbia bisogno di quello per scegliere.

È una affermazione puramente inutile a qualsiasi scopo pratico. Del tutto gratuita. Da gradassi che si prendono quello che vogliono semplicemente alzando la voce; da teste vuote che hanno bisogno di svuotare tutto attorno a loro per mandare avanti il business.

Oppure, tout se tient. C’è gente intelligente che usa Windows e tanta altra che lo usa con la consapevolezza di uno zombi. Suppongo che per mantenere un mercato fondato su queste premesse, un pochino si finisca per essere contagiati da un certo modo di pensare. A uno che usa Windows senza sapere perché puoi scrivere che su Windows sono nati gli spaghetti alla carbonara. Si crea sintonia tra menti simili.

O infine, è quel complesso che a Redmond hanno sempre sofferto, di incapacità di lasciare un segno, miliardi di righe di software e sempre per fare soldi su qualcosa creato da altri. Al CERN hanno festeggiato i trent’anni di qualcosa che ha cambiato la storia del mondo. Loro neanche riescono a liberarsi del codice di Windows NT.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La piattaforma degli animali
posted on 2021-06-25 01:26

Ha scritto George Orwell in 1984:

Who controls the past controls the future. Who controls the present controls the past.

Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato.

È stato appena scritto sul Windows Experience Blog:

The web was born and grew up on Windows.

Il web è nato ed è cresciuto su Windows.

Si noti che Orwell non si è espresso rispetto al futuro. Provare a controllarlo ha una legittimità. Controllare il presente invece è una situazione pericolosa per tutti i controllati, dal momento che il controllo del presente consente la manipolazione del passato e quest’ultima è un mezzo non consentito per cercare di prendere controllo del futuro.

È la ragione per cui devo chiedere alle persone di buona volontà di agire, ora, in modo da impedire a questi mentitori, o ignoranti del passato, di prendere controllo del presente.

Non conta che giri questo messaggio o si faccia riferimento a questo blog. È invece estremamente importante che si facciano sapere, forte e chiari, i seguenti fatti:

  • il web non è nato su Windows. È nato su un computer NeXT del CERN a opera di Tim-Berners-Lee, nel 1989;
  • il web non è cresciuto su Windows.

Questo secondo punto potrebbe essere espanso a piacere. Per restare brevi, Microsoft sottovalutò Internet, figuriamoci il web. Fu solo nel 1995 che Bill Gates inviò ai dipendenti Microsoft il memo The Internet Tidal Wave, l’onda di marea di Internet, in cui scrive:

Forse avete già letto memo miei o di altri riguardanti l’importanza di Internet. Sono passato attraverso numerosi momenti in cui ho accresciuto la mia visione della sua importanza. Ora assegno a Internet il livello di importanza più alto.

Gates si è convinto dell’importanza di Internet nel tempo. Altro che nato su Windows.

Uno dirà, si parla di Internet, non del web. Ok; il web prevede il browser. Mosaic (che nemmeno è il primissimo browser, probabilmente il quarto), primo browser ad acquisire una certa notorietà, è nato su X-window. Microsoft ne acquistò anni dopo la licenza per realizzare Internet Explorer, i cui sviluppi – e il cui tentativo di monopolizzare lo sviluppo e la navigazione del web, che avrebbe dovuto essere patrimonio comune – portarono a una causa antitrust contro Microsoft stessa, senza la quale probabilmente ancora oggi saremmo fermi a Internet Explorer e magari a FrontPage.

Controlli chi vuole: Disney ha registrato il proprio dominio .com con un anno di anticipo su Microsoft.

Bisogna muoversi perché quella riga su quel blog venga emendata, o chi l’ha scritta si porrà per controllare il presente, nello stesso modo in cui i maiali di quell’altro romanzo di Orwell spiegavano che tutti gli animali sono uguali, ma alcuni animali sono più uguali degli altri.

Siamo tutti uguali, invece.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Se non sono ottusi
posted on 2021-06-24 01:06

L’Unione Europea procede, con annunci a orologeria, nell’investigare Apple per come ha strutturato App Store su iOS e se ci sia danno per la concorrenza.

Margrethe Vestager, Executive Vice-President della Commissione Europea, è riuscita a dichiarare che

Sembra che Apple abbia ottenuto un ruolo di “guardiana” rispetto alla distribuzione di app e contenuto agli utenti dei suoi diffusi apparecchi.

Ottenuto. Si capisce tutto qui, perché si vede il linguaggio della politica. Meglio, è il linguaggio di chi descrive una operazione di appropriazione, non si sa quanto indebita. Come avrà fatto Apple a diventare guardiana? Avrà promesso favori in cambio di una nomina? Corrotto una qualche autorità? Mercanteggiato in una commissione parlamentare? Negoziato una poltrona in cambio di un’altra poltrona? Ottenuto vuol dire che qualcuno lo ha dato e Apple lo ha ricevuto.

L’idea che Apple possa avere creato dal nulla una piattaforma prima inesistente, e che abbia scelto di curarla come potrebbe succedere per una biblioteca o collezione artistica, non può pervenire in alcun modo alle sinapsi di una politicante ottusa.

Questo nulla toglie alle problematiche che riguardano App Store, il trattamento di sviluppatori, il migliogramento della sicurezza e della affidabilità eccetera. Naturalmente App Store non è perfetto.

Ma Vestager e i suoi burocrati non investigano, in realtà; cercano di figurarsi quello che per loro è un ignoto, una forma culturale aliena, qualcosa che non sono in grado di capire, anticipare, raccontare; quindi controllare.

Quello che non possono controllare, cercano di neutralizzarlo. Se almeno facessero così solo con Apple, invece che su tutto il loro difettoso scibile, a spese di quattrocento milioni di cittadini costretti a farsi governare dall’ottusità.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Compagni di gioco (e no)
posted on 2021-06-23 01:44

Il gruppo di amici appassionati di Polytopia in cui milito non è l’unico a mettere cinque minuti giornalieri nello scannarsi in allegria e sportività sulle mappe strategiche del gioco.

A breve arriva anche DeepMind, l’agente intelligente sostenuto da Google che si autoaddestra a imparare giochi di strategia da Go in giù, con risultati da prima pagina.

Ecco, devo ancora sentire gli altri, però io non credo che gli proporrò di giocare assieme a noi.

(Qualunque umano voglia cimentarsi, invece, è benvenuto).

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Un posto migliore
posted on 2021-06-22 12:44

Faccio eccezione alle mie regole di condivisione di contenuti e rendo omaggio a IlTofa che lo ha appena rilanciato. Un articolo semiserio, ma proprio per questo da prendere con attenzione, sulla costruzione di un metaverso da parte di Apple. Costruzione che sarebbe in corso davanti ai nostri occhi a partire da Wwdc 2019 e che culminerebbe in un substrato di realtà aumentata sovrapposto (affiancato? innestato? apparentato? abbinato? accoppiato?) alla nostra realtà consueta.

La costruzione si comporrebbe di quattro livelli – esperienza, il metaverso in quanto tale, applicazioni, piattaforma – e il pensiero dell’autore svolge un bel lavoro tra il creativo e l’analitico, a definire Shazam GPS per l’audio e incasellare le novità di quest’anno, da SharePlay a Spatial Audio generalizzato, fino a Universal Control che sembra un sistema per pilotare un iPad dal mouse da iPhone e invece è il prodromo di una soluzione globale di pilotaggio di un insieme iPhone/watch⁄futuri occhiali Apple eccetera.

Guardare sempre con il classico grano di sale a queste teorizzazioni, perché a un certo livello è più facile crearne di quanto possa apparire. È con noi da sempre la Pixar Theory, secondo la quale tutti i film Pixar si svolgono nello stesso universo.

Al tempo stesso, pensare che il Mac dei prossimi anni trenta potrebbe essere un substrato di realtà virtuale, beh, un pezzettino di innovazione la contempla, no?

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La notizia incredibile
posted on 2021-06-21 00:36

Ho passato due settimane a cercare il mio iPad.

Perché incredibile? Beh, io non avrei resistito due ore.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Per un milione di conchiglie
posted on 2021-06-20 00:07

Il Museo Malacologico Piceno nasce dalla passione di due fratelli marchigiani e oggi occupa all’estremità nord di Cupra Marittima un capannone che, non fosse per una grossa scritta malacologia sul corpo dell’edificio e pochi cartelli stradali poco visibili, potrebbe passare completamente inosservato.

Sarebbe un peccato perché ci si può aggirare dentro anche per un paio d’ore con meraviglia e curiosità, quando non genuino interesse. Il capannone si sviluppa su due piani; a terra si visita una collezione fantasmagorica di un milione di conchiglie, mentre sopra sono in esposizione soprattutto i manufatti creati con le conchiglie e in generale con la madreperla. Si fa presto a sottovalutare il campo che è senza fine, dalle acquasantiere agli strumenti musicali di pregio, passando da oggetti da toeletta, bottoni, statue di presepio, giocattoli, ornamenti, utensili, crocefissi, ventagli (molti), decorazioni e chi più ne ha più ne metta.

Come bonus vanno segnalati una discreta rappresentanza di fossili (conchiglie a go-go, ma anche un rettile lungo molti metri e due crani capaci di portare a spasso un adulto rannicchiato), crostacei di grandi dimensioni, centocinquanta squali imbalsamati e una notevole esposizione di maschere africane, immancabilmente decorate da conchiglie. Mi dimentico sicuramente altri paraphernalia.

La competenza malacologica aggiunge molto alla visita eppure la gioia degli occhi e l’incredibile varietà dell’esposizione sono più che sufficienti a giustificare i dieci euro del biglietto. Il museo si mantiene da solo – in un altro Paese ne farebbero un vanto cittadino – con il commercio di conchiglie; a fronte del milione esposto, i fondatori ne dichiarano altri nove nelle collezioni di studio. Si vedono testimonianze di mostre ed eventi speciali che si sono susseguiti negli anni; andando in stagione balneare è facilissimo ritrovarsi in una decina di persone sparse tra due piani di un capannone industriale, di sabato pomeriggio, mentre due strade più in là ci si ammassa sulla spiaggia.

La collezione nasce da un interesse palesemente amatoriale ma è tutt’altro che dilettantistica; le teche sono completamente documentate, esemplare per esemplare (esistono conchiglie grandi come granelli di sabbia) e qua e là si trovano pannelli da leggere per farsi un’idea. Non si va oltre, ma la visita vale il tempo. Se non altro, chi ama il genere può portarsi via conchiglie bellissime da usare come soprammobile, regalo, fermacarte eccetera a prezzi da realizzo.

Avrei parlato di altro; solo che i fratelli Cossignani, nell’esporre veramente tutto, hanno all’ingresso anche un Power Macintosh 7200/90, in compagnia di uno scanner professionale altrettanto datato e un paio di altri reperti appena meno fossili del resto; sono serviti in passato per organizzare e amministrare la collezione.

Nelle Marche. Negli anni novanta. Per due collezionisti di conchiglie. Un Mac. Come faceva quello spot? Per i folli, i piantagrane, i pioli tondi nei fori quadrati, quelli che vedono le cose in modo diverso…?

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Equivalenze
posted on 2021-06-19 11:32

Mi sono spostato a lavorare al mare, come tutti gli anni. Diversamente da essi, ho portato come me Mac mini e l’ho collegato a un televisore superfluo presente nella casetta. Ho ricostruito così il flusso di lavoro consueto, equamente ripartito tra Mac e iPad.

Sto anche provando qualche piccola variante di flusso, più di scrivania che autostradale. E posso affermare quanto segue:

Un uso intermedio di BBEdit rende superfluo un uso base di Excel.

Dopo di che, BBEdit consente di fare un’altra montagna di cose.

(Vale per qualsiasi editor di testo evoluto e per qualunque foglio di calcolo, in realtà).

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Realtà distanziata
posted on 2021-06-18 13:53

Ogni tanto fa bene alzare lo sguardo e puntare verso l’orizzonte. Articoli come Apple sta già costruendo un futuro di realtà aumentata, su The Motley Fool, fanno vagare la mente sul lungo periodo, che è una cosa buona.

In questi ultimi trimestri è diventato chiaro come Apple stia costruendo davanti ai nostri occhi le fondamenta della propria strategia di realtà aumentata. I Lidar presenti negli iPhone e iPad di oggi aumentano la precisione e la fedeltà della realtà aumentata sugli apparecchi e Apple sta già creando un ecosistema di app e strumenti per gli sviluppatori.

A leggerne così sembra una cosa grossa, molto grossa, che impatterà significativamente. Sono molto scettico sulla seconda parte e non credo che ci sarà tutto questo impatto. Concordo maggiormente sul fatto che sia una cosa grossa, solamente non destinata a spostare equilibri.

Devo tuttavia stare all’erta: se Asymco è d’accordo su una proiezione a lunga scadenza, quella proiezione merita doppia considerazione. E Asymco ha detto Yup.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Il sistema del vicino è sempre meno open
posted on 2021-06-17 13:53

Mi tira le orecchie mmanighe con piena giustificazione perché ho effettivamente esagerato nel dare iOS 4 per open source.

Nella pagina dell’open source di Apple, effettivamente, per iOS 4 sono aperti solo alcuni componenti che certo non formano il sistema operativo.

La situazione non migliora né peggiora andando avanti, nel complesso. Apple, come tutte le grandi aziende, ha cercato nel tempo di distanziarsi dal software con licenza open source Gplv3, perché troppo libera. Altre cose sono open source, per esempio il kernel Darwin-XNU da cui prendono vita tutti i sistemi operativi sotto la Mela e però non escono dal principio guida di commoditization of the complement ben descritto, a tutti i livelli, in questo articolo.

In pratica, ciò che è vitale per il proprio business resta proprietario e ciò che non lo è diventa libero. Questa regola si applica anche in altri settori. Si potrebbe osservare che Microsoft è ancora più avanti; oltre a rendere libero quello che non le è strategico, si preoccupa di colonizzare e invadere qualsiasi progetto non suo che possa recarle nocumento, in modo che resti libero – non può essere altrimenti – e intanto si diriga dove lei preferisce.

Nel dubbio, sostengo sempre l’opportunità di una iscrizione a LibreItalia. E poi, ricordiamoci di quanto codice ci è comunque utile, è comunque libero (o ancora veramente libero) e si meriterebbe una volta l’anno gli euro di un caffè con cornetto, anche se nessuno ha chiesto denaro direttamente e in forma vincolante, o detraibile come spesa.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

A neuroni nudi nel parco
posted on 2021-06-16 01:02

Il premio non ci voleva molto 2021 viene assegnato a The Verge nella persona di Monica Chin, autrice dello scoop Apple dice che ora puoi fare il build di una app su iPad, ma gli sviluppatori dicono che la realtà è diversa.

L’articolo è un capolavoro di vorrei ma non capisco. All’inizio ci aspettavamo una serie di novità per iPad che non sono arrivate (ognuno aveva la sua lista, come tutti gli anni); poi scopriamo che Swift Playgrounds consente di fare il build di una app e mandarlo su App Store (a smentire il titolo, costruito come se la premessa fosse una mezza bugia).

Allora viene fuori che le app finora si sono scritte con Xcode su Mac, solo che è molto complicato. Invece Swift Playgrounds è molto semplice.

Purtroppo, emerge l’amara realtà, Swift Playgrounds manca di tutta una serie di strumenti necessari allo sviluppatore professionale.

Eh già; sono quelli che rendono complicato Xcode. Forse è sfuggito all’autrice che sviluppare app, specie app da piazzare sul mercato più competitivo al mondo, è un lavoro, anche di élite. E che Playgrounds significa parchi gioco.

(Il primo Swift Playgrounds, peraltro, era proprio una nuova funzione aggiunta a Xcode, con cui ho scritto un libriccino su Swift che allora navigava verso la versione 2.0).

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Lo dice il giornalista
posted on 2021-06-15 00:07

Il livello della stampa quotidiana italiana, specialmente nelle versioni telematiche, non è esaltante e da molto tempo ho smesso di perdere tempo con quei siti. In compenso pago molto volentieri Giorgio Dell’Arti per la sua Anteprima, newsletter quotidiana nei giorni feriali che spreme le cose sensate e interessanti dalle edizioni cartacee e le mette insieme in una rassegna perfetta per cominciare la giornata.

Dell’Arti è un giornalista vecchia scuola con un talento mostruoso per l’archiviazione e il ritrovamento delle notizie di archivio. Non è un informatico ma neppure uno sprovveduto: vista la sua passione per gli archivi, qualche computer deve maneggiarlo; Anteprima viene erogata via Mailchimp, una piattaforma professionale, facile da approcciare quanto impegnativa per farci un prodotto editoriale in abbonamento pagato; organizza stanze su Clubhouse. È consapevole. In più Anteprima è lunghissima, tutti i giorni, e tra copiaincolla e scrittura originale richiede uno sforzo significativo di composizione di testo. Lui scrive davvero e tanto.

Ieri Anteprima si concludeva così:

Word è il peggiore programma di computer sulla piazza.

È null’altro che una opinione e può essere una opinione sbagliata. Quello che mi colpisce è che sia l’opinione di un giornalista che vive scrivendo migliaia di parole al giorno, tutti i giorni, da molti anni. Non ho idea del perché formuli il giudizio; però, se un programma nato per scrivere fallisce nell’intercettare i bisogni di uno che vive da sempre di scrittura, qualche domanda bisognerebbe porsela.

Ho sempre in cucina la mia enciclopedia del perché non usare Word, che devo ancora finire e prima o poi ci arriverò. Sono sicuro che Dell’Arti intende zero di quello che sto scrivendo io e ha altre ragioni. Ulteriori. Bisognerebbe porsi anche più di qualche domanda.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

I Mac mancanti
posted on 2021-06-14 15:12

Dopo che è trascorso qualche anno dal 1984, ho compreso che Mac, come tutti i grandi marchi che finiscono per diventare una sineddoche della propria categoria di prodotti, rappresenta molto più del computer iconico di Apple.

Almeno per me.

Quando dico Mac, penso a un insieme di hardware e software che rivoluziona un’attività umana rendendola incredibilmente semplice e accessibile rispetto a prima.

È successo così con il computing, naturalmente. E si può proseguire a definire Mac anche per il suo opposto: le attività dove manca un Mac e così restano esoteriche, di pochi, difficili.

Per esempio: le stampanti 3D. Se ne faceva un gran parlare, certamente ne trovi una in ogni Mediaworld. Una. Sono apparecchi straordinari, solo che se ne compro una, invece che risolvermi un problema, inizio a pormene molti. Dove trovo le cose da stampare. Come faccio a creare cose originali che servono a me. Come faccio a modificare qualcosa. Eccetera.

Con il primo Mac, c’era MacPaint. Disegnare sul computer, prima, era un esercizio masochista o costava un capitale in accessori. Con MacPaint, iniziavi a disegnare. Nessuno toglieva di mezzo il percorso per arrivare a disegnare capolavori, ma disegnava anche mia nonna, con MacPaint. Al settore della stampa 3D serve un Mac. O rimarrà una faccenda per pochi intimi e appassionati.

La realtà virtuale? I caschi datano a venticinque anni fa. Si fanno continui progressi, si va sempre avanti, i prezzi calano… dov’è però il Mac della realtà virtuale, quello che me la rende pronta, accessibile, godibile subito, senza fare fatica? Dove comincio in modo semplice, subito? Ecco perché sono passati venticinque anni e la realtà virtuale è una cosa di nicchia.

Con watch, Apple ha creato un Mac. Mica per leggere l’ora; per monitorare parametri vitali, per esempio. Puoi avere uno storico della frequenza cardiaca lungo a piacere. Prima era complesso e costoso.

È importante che Apple crei Mac non solo per le persone, ma anche per gli sviluppatori. Più diventa facile e accessibile produrre buon software, più viene fatto. Jason Snell ha accennato su Macworld a tecnologie emerse a WWDC per facilitare lo sviluppo, come Object Capture per chi lavora alla realtà aumentata e vuole creare rapidamente oggetti tridimensionali, o naturalmente Swift Playgrounds, che non sostituisce sicuramente Xcode su Mac ma è un primo passo nel consentire lo sviluppo su iPad di app per iPad.

Di Mac nella storia ne sono stati creati molti, naturalmente, senza sapere che fossero Mac. Il Modello T di Ford era un Mac; il Walkman di Sony era un Mac; il televisore era un Mac. Era un Mac persino il Big Mac.

Interessante come, nella nostra epoca, sembra che l’unica rimasta a creare Mac di un qualche livello sia proprio Apple (Con l’eccezione dei vaccini e magari di Tesla, per le maxibatterie). Eppure ne servirebbero numerosi.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

L’elefante nascosto
posted on 2021-06-13 17:34

Una copertura davvero controcorrente di almeno un aspetto di WWDC? Il problema della documentazione, molto ben trattato da The Eclectic Light Company, per il cui autore rappresenta L’elefante a WWDC.

Non si parla della documentazione per l’utente finale, del mitico manuale, ma proprio di quella per gli sviluppatori. Apple sta realizzando un nuovo sistema per produrre documentazione, denominato DocC, che però sarà un contenitore e poco farà per risolvere il problema della carenza di buone descrizioni del funzionamento interno del software Apple.

Non è stato sempre così, anche senza risalire agli altrettanto mitici sei volumi di Inside Macintosh. Oggi lo sviluppo continuo, il moltiplicarsi dei sistemi e la complessità delle problematiche in gioco hanno reso sempre più complicato il lavoro di chi deve documentare e, si coglie, messo in evidenza il problema di una certa carenza di competenze, al contrario di quelle ingegneristiche e di sviluppo.

DocC è comunque una prima risposta al problema, di cui evidentemente Apple ha consapevolezza. Chiaro che, per conservare un primato nell’esperienza utente, non basti avere il miglior software possibile e che serva pure mettere gli sviluppatori indipendenti all’altezza di scrivere software superiore.

L’articolo cita brevemente anche esperienze indipendenti di documentazione, come il mitico (terza volta) pondini.org, oggi non più attivo, che illustrava ogni e qualunque aspetto di Time Machine.

Apple ha due problemi oggi, chiosa il post: bug e documentazione. Significativo è già che vengano esposti alla pari, anche se uno parrebbe più immediato e urgente dell’altro. Non è affatto così.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Codice, non parole
posted on 2021-06-12 11:07

Per capire quanto sia progredito iOS e quanto abbia attorno un ecosistema evolutosi in maniera impressionante negli anni, va guardato OldOS, un progetto di iOS 4 riscritto in SwiftUI.

Non è emulazione, non è retroingegnerizzazione; è il codice originale, ripreso, riscritto (SwiftUI è il sistema moderno di costruire app basate su codice Swift).

L’autore riferisce che, bug e perfezionamenti a parte, OldOS è funzionante, al punto che potrebbe forse essere usato come un secondo sistema operativo.

Un bello spunto di discussione per quando salta fuori la faccenda dell’azienda chiusa, del software proprietario eccetera: iOS4 è open source, liberamente disponibile a chiunque. E non solo lui. Fatemi vedere una vecchia versione di Windows Mobile riscrivibile a partire dal codice originale.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Il digitale tornasole
posted on 2021-06-11 02:16

Uno splendido articolo in italiano, documentato, approfondito, comprensibile: Chi ha ucciso l’app Immuni e perché. Si avvicina il fine settimana e c’è il tempo per fare qualcosa oltre la solita routine. È leggere questo articolo.

In perfetta congiunzione astrale, Linus Torvalds, il creatore di Linux e una persona che non le manda a dire, si è espresso in termini che per lui sono moderati su una mailing list degli sviluppatori Linux, a proposito di un commento antivaccino:

Tieni cortesemente per te i tuoi commenti antivaccino folli e tecnicamente scorretti.

Non sai di che cosa stai parlando, non sai che cosa sia l’mRNA e stai diffondendo falsità idiote. Può essere che tu lo faccia inconsapevolmente, a causa di una cattiva istruzione. Oppure, perché hai parlato con “esperti” o guardato video di ciarlatani che non sanno di che cosa parlano.

Una coincidenza interessante: due casi di ostilità verso la scienza e verso il digitale. Solo persone ignoranti possono avere agito in consapevolezza per sabotare Immuni, ignoranti al pari di chi approfitta di uno spazio di discussione specialistico per spargere malainformazione.

Il digitale va usato con cura e consapevolezza; tende comunque, sia pure con le dovute eccezioni, ad accompagnarsi al progresso. E tende a rivelare stupidi e incapaci, come una cartina di tornasole l’acido o il basico.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Giochi (più) intelligenti
posted on 2021-06-10 00:39

Una vita sui roguelike non è stata vissuta invano, se TechCrunch titola La pluridecennale avventura Ascii NetHack può suggerirci il futuro dell’intelligenza artificiale.

La lettura spiega che algoritmi e apprendimento meccanizzato possono fare a pezzettini qualsiasi giocatore umano di scacchi o di Go, così come di Dota 2 per fare un nome a caso.

Quando si arriva a NetHack, però, l’intelligenza artificiale si comporta molto peggio di un uomo. La ragione è la grande complessità interna del gioco, dovuta tra l’altro alla pazzesca varietà di interazioni tra i componenti del gioco.

Il team AI di Facebook ha allora deciso di organizzare una NetHack Challenge aperta fino al 15 ottobre a tutte le intelligenze artificiali, con premi per il migliore agente (entità software capace di progredire più di tutte le altre nel gioco), il migliore agente senza l’aiuto di una rete neurale e, ancora, il migliore agente creato da una università o da team indipendenti, che non producono giochi per mestiere, per capirci.

Il terreno di sfida sarà una normalissima edizione di NetHack montata dentro un ambiente di machine learning, che permetterà la partecipazione di chi brilla per intelligenza (umana) e però scarseggia in risorse computazionali.

Dice molto sulla vera natura del valore degli umani e delle sedicenti intelligenze artificiali, che il computer abbia ancora moltissimo da imparare da un gioco disegnato con il testo, nato nel 1985 e più maturo di tanti dei programmatori che proveranno a batterlo.

La regolarità delle pubblicazioni potrebbe risentire nelle prossime settimane dei miei spostamenti per l’Italia.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Metterci la faccina
posted on 2021-06-09 00:58

Nella finzione scenica di Wwdc, Tim Cook ha parlato davanti a una platea popolata di Memoji, a rappresentare gli sviluppatori idealmente presenti.

C’è chi l’ha presa per una baracconata o una profanazione di un luogo che alla fine dei conti è intitolato a Steve Jobs; una caduta di stile, un abbassamento del livello.

Ogni opinione è degna di rispetto: tutti sicuri però che la più profittevole azienda di tecnologia digitale al mondo, che mette insieme due miliardi di fatturato ogni tre giorni, decida a cuor leggero di esporsi a figuracce? Abbiamo la certezza che dove fino a ieri a dettare la line era il design, oggi si ceda al cattivo gusto semplicemente per essere alla moda o per fare i supergiovani?

Nei miei messaggi esagero con gli emoji, mentre i Memoji li riservo a pochissime occasioni e persone. Non sono quindi la persona più adatta a pronunciarsi. Tuttavia, un articolo di Angela Lashbrook su Medium porta in merito una serie di informazioni interessanti.

Ci sono studi che mostrano come l’aspetto degli avatar influenzi il comportamento online delle persone e come le persone stesse si identifichino più volentieri in un avatar idealizzato, che le rende più gradevoli, di uno fotografico.

Chi vede un avatar di aspetto simpatico o piacevole tende a riporre più fiducia nell’interlocutore che lo adotta. I Memoji costituiscono un surrogato, certo limitato, del linguaggio del corpo e dell’espressività che portiamo nel mondo fisico. Limitato vale comunque più di nullo.

In altre parole, il come le persone si rappresentano in forma grafica e il come considerano le altre persone tramite le loro rappresentazioni è un dettaglio; un dettaglio importante in una faccenda delicata come la comunicazione interpersonale. Comunicando con il suo pubblico di Memoji, Tim Cook certamente dava risalto alle novità annunciate per iMessage; contemporaneamente trasmetteva tutta una serie di messaggi al pubblico non sviluppatore interessato all’apertura del convegno mondiale degli sviluppatori. Sì, il keynote è nominalmente per gli sviluppatori e di fatto parla al più grande pubblico degli appassionati. La vera comunicazione rivolta agli sviluppatori è il Platforms State of the Union, la prima cosa da guardare dopo il keynote.

Che si possa parlare del keynote Wwdc in termini semplici non implica che la sua preparazione sia semplicistica. Apple ci mette la faccia e pure le faccine sempre a ragion veduta, magari sbagliando, per carità, però con un’idea precisa.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Con la maiuscola
posted on 2021-06-08 12:13

Mi piace molto questa evoluzione globale dell’ecosistema, dove i diversi apparecchi non sono isole di un arcipelago, ma tappe di un viaggio, e non c’è uno strumento unico per tutti ma versioni ideali di uno strumento per ciascuno.

È il keynote Wwdc più logisticamente complicato che ho vissuto, perché tra famiglia, lavoro, intoppi, imprevisti e sonno ho speso una volta e mezzo la sua durata e ancora devo vederlo tutto. Tuttavia la portante mi pare chiara.

È un ecosistema maturo, che si apre dove deve verso l’esterno, si arricchisce, si allarga, si raffina. Poco o nulla di quello che si è visto è mai-visto-prima e questo è un buon segno: difficilmente Apple inventa, bensì arriva a cambiare per il meglio qualcosa di esistente e normalmente migliorabile.

È un anno e mezzo che si invita la gente a parlare online; farlo con un FaceTime link sarà più immediato e veloce. A me è capitato di farlo con Zoom o con Teams ed è una pena; con iOS sarà molto meglio.

Durante le videoconferenze, l’audio è sempre uno dei punti dolenti, anche fisicamente quando la riunione dura molto o, come pretendono certi dirigenti ottusi, il giorno deve passare in riunione. Portare lo Spatial Audio dentro la videoconferenza migliora la vita di chi ci si trova.

E Spatial Audio è il pretesto per sottolineare una vera differenza che fa Apple. Traduzione del testo affidata al computer, l’abbiamo vista; riconoscimento del testo dentro una immagine, lo abbiamo visto; il drag and drop da uno schermo all’altro non è una novità; forse lo è da un computer a un altro, ma visivamente sembra qualcosa di già sperimentato.

Ma chi può offrire quello che si è visto ieri a livello di sistema? A disposizione di qualsiasi app? E chi può permetterlo con questo livello di semplicità?

La differenza che mette Apple è da sempre, per la parte fondamentale, questa. Quando Apple reinventa qualcosa di esistente e la trasforma in magia, it just works, dà il meglio. Per questo Wwdc comincia sotto ottimi auspici.

Un ecosistema, dove qui il cambiamento può essere più pronunciato (ma quanto sono belle le nuove mappe?), lì si insaporisce la ricetta che già di suo funziona (tutta la parte di SharePlay su iPhone, non cambia il mondo, ma introduce un sacco di cose piacevoli), altrove si inseriscono cambiamenti persino necessari (iPadOS deve evolvere ancora più di così e però il multitasking migliora), oppure si gettano ponti che ci volevano (Comandi rapidi anche su Mac, capacità di collegarsi con AppleScript; ne scrivevano in tanti, non si vedeva l’ora, è arrivato).

In quest’ottica, mettere sul bilancino watchOS per capire se le aggiunte meritano questo o quel voto in pagella è da Youtuber bolso, che deve parlare del keynote per quaranta minuti altrimenti non monetizza e deve inventarsi cose per arrivare in fondo ai quaranta minuti. Conta l’insieme, la coralità. La coralità viene evidenziata anche a livello di relatori e inizia persino a sembrare troppa; l’inclusione ci mancherebbe, la diversità è un bene, però quasi quasi preferirei che i relatori sotto i Vice President venissero estratti a sorte.

Un pensiero affettuoso e adorante a quanti iPad non è un computer perché non posso programmarci una applicazione per iPad, che poi sono passati alla compilazione in luogo della programmazione e ora hanno solo da ammettere che, persino per il loro filtro, iPad è un computer. O si inventeranno che non è un computer perché non passa da Xcode. Chissà come digeriscono oggi poi, al pensiero di Xcode su iCloud.

Un accenno alla privacy. L’ecosistema. L’argomento è trasversale, non riguarda l’apparecchio A o il sistema operativo B. Qualche settimana e salterà fuori qualche scandalo dovuto a funzioni che non saranno implementate o non funzioneranno in Cina o in Bielorussia. Eppure la direzione dell’azienda è oltremodo chiara: su Mail potremo nascondere l’indirizzo IP, non fare sapere che abbiamo letto un messaggio. Se lo vogliamo, naturalmente. A che pro darsi da fare per implementare la privacy quando sarebbe tanto comodo lasciar perdere tutto e avere sistemi perfetti per compiacere Xi e la compagnia dei dittatori? Ringraziare invece. Ogni tracker soffocato da Safari, ogni tracking pixel neutralizzato da Mail, ogni navigazione anonima è un passo verso più libertà, da cui domani sarà più difficile regredire nel caso che il nostro governo, o l’ineffabile unione, ci ripensi o provi a fare il furbo.

Mentre armeggiavo con una finestra di Terminale durante la visione di Wwdc, mi è scappato scritto Uptime al posto di uptime. Ho scoperto una nuova funzione di un comando Unix che pensavo di padroneggiare. Abbiamo tanto da imparare intanto che i sistemi si affinano.

Ne parlo perché la scoperta dell’esistenza di Uptime e questo Wwdc sono state ambedue esperienze con la maiuscola.

Perché non posso, sarò in giro a lavorare con iPad Pro senza attrezzature di backup… altrimenti, per la prima volta da anni, vorrei fortemente installarmi tutte le beta.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Il numero della bestia
posted on 2021-06-07 09:10

Inizio a lavorare abbastanza tardi nella giornata. Oggi ho fatto eccezione e sono stato gratificato da una notifica di Screen Time: settimana scorsa sono stato davanti allo schermo di Mac, in media, l’undici percento in meno del tempo.

Solo qualcosa più di undici ore.

(Poi ci sono gli altri schermi, naturalmente).

Il numero della bestia, insomma. Quella da soma.

(Si scherza, eh? Anzi, se si reggono certi ritmi è proprio perché usare un Mac è assai più rilassante di tutto quello è che altro.)

(Correzione: Screen Time somma tutti gli apparecchi che condividono lo stesso ID Apple. Più intelligente di me!)

(A dire il vero, l’attenzione è talmente rivolta all’inizio di Wwdc che non sto a guardare molto altro).

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Gente di polso
posted on 2021-06-06 00:48

Un modo possibile di affrontare il cambiamento, dalle pagine di GQ.

Io, uno dei più in vista tra i sostenitori degli orologi meccanici, indosso un Apple Watch. Non me ne vanto né ci scrivo post per i social media, ma metto al polso il mio Apple Watch tre o quattro volte a settimana, il che ne fa uno dei pezzi più fidati di tutta la mia raccolta.

— Benjamin Clymer, fondatore di Hodinkee

Il dato può apparire singolare; eppure, nella posizione di Clymer, indossare lo stesso orologio tre volte a settimana è tanta roba.

La giusta dose di conservatorismo, la giusta apertura verso il nuovo, l’assenza di pregiudizi. Per Clymer, Watch è un grande contributo all’orologeria, che stimola tutti gli operatori del settore a migliorarsi.

Averne, di gente capace di restare fedele alla tradizione e al tempo stesso proiettarla nel presente.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Scontri culturali
posted on 2021-06-05 13:00

Non si fa in tempo a scrivere un pezzo sull’approccio di Apple al lavoro intelligente che diviene pubblica una lettera scritta da un gruppo di dipendenti per chiedere più flessibilità rispetto alla scelta di lavorare in presenza oppure in remoto.

John Gruber ha espresso chiaramente il punto di vista culturale di Apple: la società ha un approccio che dà molto valore al gruppo di lavoro e preferisce di molto l’ambiente dell’ufficio.

Gruber aggiunge alcune valutazioni personali che hanno diritto a fare parte del dibattito: in sintesi, Apple è diventata così grande che per forza di cose ospita anche persone poco adatte, o inadeguate, alla filosofia aziendale.

Sembra una schermaglia banale e invece va seguita, perché è rappresentativa di una tendenza che in autunno diventerà in alcune aziende una miscela esplosiva. Inoltre costituisce l’inizio di un cambiamento culturale profondo nel considerare l’attività lavorativa.

Per il momento aggiungo solo un paio di nozioni, anch’esse di diritto parte importante della discussione.

La prima: la buona organizzazione vince su tutto. Apple per prima ha dimostrato di poter sviluppare, creare e vendere a pieno ritmo anche a Apple Park deserto e tutti a lavorare da casa. È iniziata la transizione a M1 (e hai detto niente), sono usciti regolarmente nuovi modelli di tutto, i numeri hanno regolarmente superato le previsioni. La produttività di un’azienda dipende dalla sua organizzazione, non da dove si lavora.

(Ciononostante, Apple ha ragioni per volere la gente in ufficio tre giorni a settimana. Ma questo non riguarda la capacità dell’azienda di funzionare al meglio).

La seconda: la lettera dei dipendenti ha avuto origine su un canale Slack interno ad Apple. Ci sono strumenti per la conversazione e la collaborazione che vanno bene per aziende di decine di migliaia di dipendenti con fatturati di centinaia di miliardi.

Ha ragione Gruber nel dire che nella Apple di una volta, un canale Slack non sarebbe mai esistito. I tempi, nondimeno, cambiano.

La cultura dell’ufficio contro la cultura del lavoro intelligente (non in Apple, ovunque). È nell’interesse di tutti trovare una composizione armoniosa. Si annunciano tempi interessanti.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

La forza irresistibile
posted on 2021-06-04 02:09

Da settembre, i dipendenti Apple lavoreranno in ufficio lunedì, martedì e giovedì, mentre avranno l’opzione di lavorare in remoto il mercoledì e il venerdì.

Ad alcuni reparti specifici saranno chiesti quattro o cinque giorni a settimana in presenza; in compenso, tutti potranno fare domanda per avere fino a quindici giorni supplementari l’anno di lavoro in remoto, che saranno concessi o meno dai responsabili di reparto.

Nel 2022 verrà effettuata una valutazione dei risultati, che potrebbe portare a una nuova riformulazione degli orari di lavoro.

È una vera prova di forza di Apple, non con i dipendenti ma con la propria significatività; si moltiplicano negli Stati Uniti – ma arriverà l’onda anche qui – i casi di aziende ansiose di riavere le persone negli uffici, mentre le persone stesse non sono altrettanto trepidanti, con alcuni che addirittura si licenziano se trovano la richiesta ingiustificata o eccessiva.

Ci sono mille distinguo da fare perché le situazioni, ovviamente, sono molto diverse tra loro; certo è che, se certe aziende possono porsi come oggetti inamovibili nel rivolere le persone in ufficio, queste ultime potrebbero rivelarsi una forza irresistibile. Negli Stati Uniti non è infrequente che un pendolare convertito al remote working risparmi cinquemila dollari l’anno.

Stai a vedere che, magari suo malgrado, Apple si ritrova a fare innovazione anche in questo campo.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

Perculare e percolare
posted on 2021-06-03 12:44

Dell’opportunità di portare i Comandi rapidi su Mac hanno già detto in diversi e poco cambia che Jason Snell lo abbia ribadito nella sua raccolta di cose che vorrebbe vedere presentate a questa Wwdc.

Da ribadire c’è pure la gran differenza tra quanti perculano sulla storia dell’unificazione del sistema operativo e le tecnologie software che percolano da un sistema all’altro e portano a un ecosistema omogeneo senza sacrificare l’adattamento ottimale di ciascun sistema operativo a ciascuna macchina. La lista si allunga, Catalyst migliora e il progetto complessivo ha un buon aspetto. Avanti con la percolazione.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

What a Wonderful Teen World
posted on 2021-06-02 00:11

Non solo Lucy.

Apple ha annunciato chi ha vinto la Swift Student Challenge 2021, legata all’imminente Worldwide Developers Conference.

Senza entrare nel merito, alla competizione prendono parte centinaia di studenti da tutto il mondo, ragazzi e ragazze che non hanno ancora la maggiore età ma si mettono in gioco, imparano un linguaggio di programmazione, inventano soluzioni a problemi reali, ci provano davvero.

Sono, o almeno somigliano a, quelle persone che nello spot Think Different, pazze a sufficienza da voler cambiare il mondo, poi lo cambiano davvero.

Forse è solo invidia. Mi devo muovere in un mondo nel quale mi capita a ogni angolo qualcuno che mi spiega gli eccessi della tecnologia, come difendere i bambini dalle insidie dei cellulari, la necessità di spegnere, questo, quello, tutto.

Tra i due eccessi, preferisco una quindicenne che usa Swift a partire da due genitori immunodepressi per creare un servizio capace di aiutare tanti. Ed è solo un esempio. Ragazzi, difendetevi dai pericoli della tecnologia: programmatela. Sapete fare cose meravigliose.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

I danni del gioco (mancato)
posted on 2021-06-01 01:26

Per fortuna ho dato retta a Paolo e considerato 50 Years of Text Games qualcosa di speciale oltre che un racconto carino di retrocomputing.

La trattazione di LambdaMOO, 1990, impressiona.

Tempi in cui Internet era in gestazione e però le persone cominciavano a incontrarsi e a scoprire mondi online.

Nei Mud canonici occorrevano molte ore di gioco, padronanza dei meccanismi dello stesso e un buon grado di carisma e capacità di rapportarsi con gli altri, per diventare un wizard, un mago.

Il wizard disponeva di immenso potere dentro il gioco e sul gioco. Per esempio poteva espellere altri giocatori.

LambdaMOO rovesciò l’approccio mettendo a disposizione di tutti, subito, ogni potere possibile. Compreso quello di programmare nuove locazioni, nuovi oggetti, nuove avventure, purché coerenti con un impianto di base.

Un vero esperimento sociale, con la crescita turbinosa, le esperienze molteplici, la creatività sorprendente, la dilatazione vertiginosa dei confini.

E poi l’inevitabile scandalo con sfaccettature di sesso e violenza ancorché virtuali, la difficoltà nel conciliare punti di vista troppo differenti, il problema di governare una comunità di persone abilitate ad agire senza limitazioni, alcuni casi di dipendenza. Certi tratti della natura umana sono immodificabili e finiscono per manifestarsi ovunque si raggiunga una massa critica di persone e interazioni tra le persone.

Trent’anni dopo, LambdaMOO non è un esperimento sociale, ovviamente. Altrettanto ovviamente viene ancora praticato (i Mud non muoiono mai, come il rock’n’roll per Neil Young). Ovviamente per la terza volta, l’animazione al suo interno non è più quella degli anni d’oro.

Quando un giocatore rimane troppo tempo senza collegarsi, il suo avatar appare dormiente: vagabondare oggi dentro la mappa dà l’idea di esplorare un regno incantato di belle addormentate, alcune da decenni.

Tuttavia, quando un mondo è programmabile, resta vivo e vitale anche quando le forze che sostengono si affievoliscono:

Eppure la Lambda House continua a intrigare. L’esplorazione resta magica in perpetuo: a differenza di un gioco scritto da un singolo autore, qui è impossibile trovare i limiti del modello del modello o il bordo della mappa. Al prossimo oggetto domani qualcuno potrebbe aggiungere un altro verbo per interagirci e dietro ogni angolo occhieggia un nuovo dominio che attende esploratori freschi. Ascoltare una conchiglia dietro un gazebo trasporta in un pigro paradiso tropicale; azionare una scatola musicale in una radura nascosta, evoca figure spettrali che interpretano un quadro teatrale di Keats. Stanze con descrizioni dinamiche che rispondono alle stagioni e alla ciclicità del giorno macinano un’ora dopo un’altra, mentre sopra lune virtuali attraversano le loro fasi. Anche se la maggior parte delle persone se ne è andata, il codice che hanno lasciato dietro di sé mantiene Lambda House viva.

Trent’anni fa non c’era Internet, ma in LambdaMOO c’era già tutto, comunità, social, algoritmi, dinamiche di gruppo, problematiche di governance, gestione di risorse di rete, wisdom of the crowd, anche purtroppo il bullismo o la mancanza di rispetto per gli altri o lo spregio verso il bene comune. Appunto, tutto vuol dire tutto.

Se più gente avesse partecipato a LambdaMOO, oggi Internet sarebbe un posto migliore.

Mentre approfondisco la faccenda dei commenti per il blog, chi vuole lasciare comunque un commento da qui può accedere liberamente alla pagina commenti di Muut per QuickLoox. Non è ancora (ri)collegata a questi post (è lo scopo di tutto l’esercizio). Però lo sarà.

This blog covers 1802, 1Password, 1Writer, 276E8VJSB, 50 Years of Text Games, 500ish, 512 Pixels, AAC, AI, AR, Accademia di Belle Arti, Acer, Adium, Adobe, Adventure, AirBnB, AirPods, AirPort Express, AirPort Extreme, AirTable, AirTag, Akko, Al Evans, Alac, All About Apple, All About Apple Museum, AlphaGo, Alphonse Eylenburg, Altroconsumo, Alyssa Rosenzweig, Amadine, Amazon, Amd, Anaconda, Anagrafe, Android, Andy Hertzfeld, Anteprima, Apollo, App Store, App Tracking Transparency, Apple, Apple //, Apple Arcade, Apple Distinguished School, Apple Gazette, Apple II, Apple Music, Apple Park, Apple Pencil, Apple Silicon, Apple Store, Apple TV+, Apple Watch, AppleDaily, AppleInsider, AppleScript, Aqua, Aqueux, Arctic Adventure, Arm, Armstrong, Ars Technica, Arthur Clarke, Ascii, Asymco, Atom, Audacity, Audion, Austin Mann, Australia, AutoCad, Automator, Avventura nel castello, Axios, BBEdit, Backblaze, Badland+, Bandley Drive, Basecamp, Bashcrawl, Basic, Battle for Polytopia, Beeper, Bell Labs, Benjamin Clymer, Big Mac, Big Sur, Bill Gates, Bing, BirchTree Mac, BlastDoor, Borgo Valsugana, Braille, Bruno Munari, Bubble sort, Buzz Andersen, CERN, California State University, Cap’n Magneto, Carbon, Carbon Copy Cloner, Carlo Canepa, Cartoonito, Casa Graziana, Catalina, Cbs, Cessapalombo, Chaplin, Charlie Watts, Cheetah, Chiara, China Railway Shenyang, Chromebook, Cina, Claudio, Clive Sinclair, Clubhouse, Coca-cola, Coleslaw, Colle Giacone, Collegiacone, Comandi rapidi, Come un ombrello su una macchina da cucire, Command and Conquer, Commodore 64, Common Lisp, Comune, CorpoNazione, Cortana, Cossignani, Covid, Covid-19, Coyote Cartography, Creative Cloud, Crema, Csam, Css, Csuccess, Cuore di Mela, Cupertino, Cupra Marittima, D&D, DaD, Dad, Dalian, Dan Peterson, Daring Fireball, De André, Debian, Dediu, DeepMind, Degasperi, Dell, Disney, DisplayPort, Disqus, DocC, Dock, Dolby Atmos, Dolphin, Doom, Dortmund, Dr. Drang, Drafts, Drm, DuckDuckGo, Dune 2000, Dungeons & Dragons, Dungeons and Dragons, Dvd, Edimburgo, Edinburgh Learns for Life, Editorial, Edward Snowden, Elio e le Storie Tese, Epic, EpocCam, Epson, Erc, Erica Sadun, Erin Casali, Ethernet, Etherpad, Euro 2020, Europei, Eurovision, Everyone Can Create, Excel, Exchange, Expanded Protection for Children, ExtremeTech, Eyepatch Wolf, F24, Fabio Massimo Biecher, FaceID, Facebook, Fai, Federico Viticci, Feedly, Finder, Fitbit, Flac, Flappy Birds, Flash, Flavio, Flurry Analytics, Focus, Folletto, Fondazione, Fondo Ambiente Italiano, Ford, Forrester, Fortnite, Franco Battiato, Frederic Filloux, Frix, FrontPage, Fsf, Fëarandil, G3, GQ, Gagarin, Geekbench, Geneforge 1 - Mutagen, Giacomo Tufano, Gianni Catalfamo, Giardino delle Farfalle, Giorgio Dell’Arti, GitHub, Gizmodo, Gnu, Go, Google, Google Play, Google Remote Desktop, Google Tensor, Gorizia, Gplv3, Guardian, HP, HP Smart, Hafnium, Halide, Happy Scribe, Harry McCracken, Hdmi, Hearthstone, Hemlock, Hewlett-Packard, Hey, High Sierra, Hii, Hodinkee, HomePod Mini, Horace Dediu, Hp, Html, Huawei, Huffington Post, Il ritorno del Re, Il vitello dai piedi di balsa, IlTofa, Imgr, Immuni, Incunabolo, Ingmar Bergman, Insegnanti 2.0, Inside Macintosh, Instagram, Intel, Intense Minimalism, Internet, Internet Explorer, Internet Relay Chat, Invalsi, Irc, Isaac Asimov, It is better to be a pirate than join the Navy, Ivacy, J. Geils Band, JEdit, Jacob Kaplan-Moss, Jason Snell, Java, JavaScript, Jeff Bezos, Jeff Vogel, Jekyll, Joanna Stern, John D. Cook, John Gruber, John Perry Barlow, John Voorhees, Jon Prosser, Jonathan Ive, Jägermeister, Kagi, Kansas City Chiefs, Ken Thompson, Keyboard Maestro, Kickstarter, Krebs, LG, La classe capovolta, LaTeX, LambdaMOO, Larry Wall, LaserWriter, LibreItalia, LibreOffice, Libreitalia, Lidar, Lidia, Lightning, Lightroom, Liguria, Linus Torvalds, Linux, Lisp, Live Text, Lords of Midnight, Luca Accomazzi, Luca Bonissi, Luca Maestri, Lucy Edwards, Lux, M.G. Siegler, M1, M118dw, Mac, Mac OS, Mac OS X, Mac mini, MacBook Air, MacBook Pro, MacMomo, MacRumors, MacSparky, MacStories, Macintosh, Macintosh Plus, Macworld, Mail, Mailchimp, Mappe, MarK Twain, Marco, Mario, Markdown, MarsEdit, Martin Peers, Marvin Minsky, Matt Birchler, Matteo, Matthew Cassinelli, Mavericks, Max Weinberg, McSweeney, Mediaworld, Medium, Meet, Memoji, MessagePad, Micr0soft, MicroUSB, Microsoft, Mike Bombich, Mike D’Antoni, Minority Report, Mission Control, Mission Impossible, Mit Technology Review, Model One Digital+, Model T, Mojave, Monday Note, Monterey, Monti Sibillini, Mosaic, Motorola, Mount Sinai, Mp3, Msx, Muse, Museo Malacologico Piceno, Muut, Nanchino, Napoli, Nasa, Ncmec, NeXT, Neil Young, NetHack, NetHack Challenge, NetNewsWire, Netscape, New York Times, Newton, Newton Press, Nicola D’Agostino, Nive, Noam Chomsky, Nokia, Notebook, Notifiche, Notre-Dame, NovaChat, OBS Camera, OBS Studio, OS X, Object Capture, Octopress, Office, OldOS, Olimpia, Olimpiadi, OpenDocument, OpenDocument Reader, OpenRA, Ordine dei Giornalisti, Orwell, P3, PageMaker, Pages, Pandoc, Panic, Panini, Pantone, Paola Barale, Paolo, Paolo Attivissimo, Paolo Pendenza, Parallels, Patreon, Patrick Mahomes, Pdf, Penn, People, Perl, Perseverance, Pfizer, Philip Elmer-DeWitt, Philips, Photoshop, Pixar, Pixar Theory, Pixel 6, Pixel 6 Pro, Pixel Envy, Pixelmator Pro, Plan 9, Play Store, PlayStation, Playdate, Polympics, Polytopia, Power Macintosh 7200/90, PowerBook, PowerBook Duo, PowerPC, PowerPoint, Preferenze di Sistema, Pro Display Xdr, Procter & Gamble, Programmatori per caso, Project Zero, Psion, Psion Chess, Python, Ql, Qualcomm, Queen, Queensland, Quick Notes, QuickLoox, R360, Radio.Garden, Rai, RaiPlay, RaiPlay Yoyo, Raspberry Pi, Raymond, Raz Degan, Recenti, Red Alert, Reddit, Redmond, Richard Stallman, Roll20, Rolling Stones, Rs-232, Rss, Runescape, Ryzen, Safari, Salesforce, Samsung, Sars, Savona, Scott Forstall, Screen Time, Screens, Scripting, Scuola, SharePlay, Shazam, Shortcuts, Shortcuts Catalog, Siegler, Sierra, Silverlight, Simone Aliprandi, Six Colors, SkilledObject, Slack, SnapChat, Sony, South African Revenue Service, Spaces, Spatial Audio, Spid, Spiderweb Software, Sputnik, St. Therese Catholic Primary School, Stadia, Start Me Up, Stefano, Stephen Hackett, Stephen Kleene, Steve Jobs, Steve Wozniak, Stevie Wonder, Stewart Copeland, Storie di Apple, Sudafrica, Super Bowl, Super Mario, Super Mario Bros, Swift, Swift Playgrounds, SwiftUI, Taio, Tampa Bay Buccaneers, Teams, Tech Reflect, Teller, Tempi moderni, Terminale, Tesla, TextEdit, Textastic, The Briefing, The Eclectic Light Company, The Hobbit, The Information, The Internet Tidal Wave, The Motley Fool, The Verge, Think Different, Thoughts on Flash, Thunderbolt, TikTok, Tim Berners-Lee, Tim Cook, Tivoli, Tivoli Audio Art, Toca Boca, Toca Lab: Plants, Tokyo, Tom Brady, Tom Taschke, Tommaso, Torino, Torrent, Toshiba, Travis Holm, Trillian, Trilogia Galattica, Tweetbot, Twitter, TypeScript, U1, USB, USB-C, Unicode, Universal Binary, Unix, Utf-8, Vaccino, Vesa, Vestager, Viktoria Leontieva, Visual Studio, Visual Studio Code, Vnc, Vpn, VxWorks, WWDC, Walkman, Wendy Molyneux, West Coast, WhatsApp, Wimbledon, Windows, Windows 11, Windows Phone, Wired, Wishraiser, Word, WordPress, World of Warcraft, WorldWideWeb, Wwdc, X-window, Xcode, Xdr, Xevious, Xi, YayText, Yoda, Yoko Shimomura, YouTube, ZX Spectrum, Zoom, Zork, Zune, adware, analogico, board, business, cartelle smart, cetonia dorata, cookie, coronavirus, curricolo, cybersecurity, desktop publishing, digitale, ePub, emacs, emoji, hyper key, i3, iBooks Author, iCloud, iMac, iMessage, iMore, iMovie, iOS, iOS 14, iOS 14.5, iOS 14.5.1, iOS 15, iPad, iPad Air, iPad Pro, iPad mini, iPadOS, iPadOS 15, iPadOS macOS, iPhome, iPhome 13, iPhone, iPhone 12 mini, iPhone 13, iPhone 13 Pro, iPhone 14, iPhone 6, iPhone 6s, iPhone SE, iPod, iTunes, intelligenza artificiale, ipertesto, isso, jailbreak, lossless, macOS, macOS 11.4, malware, npm, open source, port forwarding, privacy, programmazione, regex, remote working, rsync, sandbox, scuola, setteBit, software, soup, streaming, tag, uptime, walled garden, watchOS, wiki, x86, zip, Arcade, tv, watch, watch SE

View content from 2021-09, 2021-08, 2021-07, 2021-06, 2021-05, 2021-04, 2021-03, 2021-02, 2021-01, 2014-02


Unless otherwise credited all material Creative Commons License by lux