QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

La farina del diavolo

Era veramente un altro secolo quando Indro Montanelli lanciò da il Giornale la sottoscrizione per salvare l’Accademia della Crusca, lasciata senza fondi pubblici a morire di fame. Partecipai e dal mio punto di vista sembra che di secoli ne siano passati anche tre o quattro.

Oggi la Crusca pubblica un documento per la ripresa della vita scolastica in cui tre suoi rappresentanti dichiarano che la scuola è un’aula e non un video. Il timore è che il processo educativo si esaurisca nella trasmissione di contenuti attraverso il web. Si evidenziano i limiti della didattica a distanza e si auspica un ritorno migliorato all’attività educativa ordinaria.

Che quindi non sarebbe un ritorno, urgendo un miglioramento e di conseguenza un cambiamento. Però la Crusca sono loro, avran ragione.

Che la didattica a distanza abbia limiti, come qualsivoglia attività umana, sembrano scoprirlo. Un po’ come l’acqua calda. Ricordano en passant che l’affollamento nelle classi è stato un provvedimento ministeriale sconsiderato e mi balena l’ipotesi che forse anche nella scuola cosiddetta ordinaria ci sia qualcosa da sistemare. Accusano l’insegnamento a distanza di penalizzare i più svantaggiati come se fosse una sua esclusiva. Come se andare in un liceo ai Parioli di Roma o allo Zen di Palermo sia uguale (con rispetto per chi allo Zen fa fatica a insegnare e studiare).

La scuola è un’aula, non un video, come forse – fanno sapere – è gradito in certi ambienti solamente commerciali. Lo strapotere delle multinazionali nelle scuole è responsabilità precisa della scuola ordinaria, dal ministero giù fino ai presidi e agli insegnanti senza spina dorsale. L’open source sarebbe obbligo ovunque costituisca una alternativa valida e, si sappia, lo fa sempre o quasi sempre.

Il peggio è che – escludiamo pure l’estate – la scuola che è un’aula e non un video avrà passato quattro mesi a fare ZERO per ragazzi e famiglie. Senza l’insegnamento a distanza, che penalizza, svantaggia e ottunde, un quadrimestre sarebbe stato il nulla totale.

È un cretino quello che vuole la scuola solo a distanza. È un cretino chi vuole la scuola solo in aula.

La scuola non è un video e neanche un’aula. È una rete. Basterebbe ricordarsi di esserci stati, a scuola. Una rete che quando è il caso è bene si riunisca, e quando è il caso è bene si colleghi. La prossima volta che nevica, o c’è allarme maltempo, vedremo chi accende il computer e chi si prende un giorno di vacanza. Parliamo dei disabili che non possono raggiungere un’aula, a proposito di persone svantaggiate. Di bambini autistici che riescono a comunicare solo tramite un intermediario non umano. Degli audiolibri.

Un vero insegnante di oggi dovrebbe saper insegnare in aula e in rete. Se sa fare solo una delle due cose, potrebbe anche percepire mezzo stipendio, o lavorare per un orario doppio. Nel mondo fuori, è norma essere preparati a svolgere il proprio lavoro.

La Crusca cui ho donato tanto tempo fa si è riempita di farina del diavolo. Mi pento pubblicamente di avere contribuito a farla arrivare fino a qui.

P.S.: in fondo all’articolo si trova un florilegio di commenti che mette umanamente paura. Riporto qualche gemma.

È tempo di riaprire le aule e le menti.

Se la DaD verrà imposta come in una “Dittatura a Distanza” in sostituzione della scuola essa costituirà la fine dell’insegnamento e della scuola come ambiente sociale fondamentale.

Eliminare la scuola in favore di piattaforme digitali ed e-campus significa minare la democrazia futura del Paese formando dei robottini o degli avatar ubbidienti e buoni esecutori, non delle persone e dei cittadini pensanti.

Occorre ricordare che web significa “ragnatela”: il ragno tesse questa bellissima ed efficace trappola, le mosche vi rimangono invischiate e il ragno le spolpa a poco a poco.

Non si può assolutamente fare passare il pensiero che i saperi possano essere veicolati solo con il Dio web.