QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Nascere vecchi

GoSquared riferisce che il traffico di rete riguardante iOS 11 sia attorno all’ottanta percento del traffico di rete totale di iOS.

Non è la misurazione ufficiale di Apple, ma fornisce comunque una buona idea dell’adozione di iOS 11: maggioranza assoluta e schiacciante.

Se chiedo i dati su Mac, piattaforma più conservativa e più longeva (dove sono in vita numerosi computer che non possono installare la versione più recente) si vede che High Sierra sta attorno al trentatré percento e ha la maggioranza relativa.

La pagina Dashboards di Android mostra d’altro canto che Oreo, la versione più recente di Android, non arriva all’uno percento delle adozioni. Nougat, la penultima generazione, è inferiore come numeri sia rispetto a Marshmallow (quello prima) sia verso Lollipop (quello prima ancora).

Riassumendo: il proprietario medio di iOS usa la versione più recente. Quello di Android ne ha una che, pensando alla sicurezza, alle funzioni nuove, alla sistemazione dei bachi, al supporto, è vecchia in modo preoccupante.

Tra usare iOS 9 e usare iOS 11 ci sono differenze importanti e un salto di qualità considerevole. Su Android, l’equivalente del salto di qualità lo usano in pochissimi.

In più, è chiaro che vengono venduti terminali nuovi con sistemi vecchi. Che poi spesso neanche vengono aggiornati nel tempo.

Invecchiare è un’avventura che ha anche lati affascinanti e appaganti, proprio perché si parte da giovani. Ma se uno nasce già vecchio, gli manca la vita.