QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Esistono le reti

Sì, qualcuno sostiene che iPad non sia un vero computer perché non si può usarlo per programmare. O che non si possa programmare su iO ad perché non è un computer.

Esiste un articolo dal titolo iPad Pro come computer principale per programmare, scritto da un backend engineer, ossia uno che lavora tutto il giorno con le mani dentro il cofano del sistema informatico e di programmazione deve occuparsene prima e dopo i pasti.

La sintesi del pezzo:

iPad Pro con Smart Keyboard collegabile a un server con ZSH, tmux e neovim è una fantastica macchina portatile per lo sviluppo.

Sviluppo sta per sviluppo di software. Uno sviluppatore crea software rilevante per dimensioni e complessità.

Poi, certo, c’è di mezzo un server. Il fatto è che siamo nel 2017 e esistono le reti. Nessun computer è un’isola, da vent’anni almeno, ed eseguire codice su una macchina remota è attività che si esegue in ambito professionale dai tempi dei mainframe degli anni cinquanta.

Consiglio un’occhiata alle app per iOS menzionate nell’articolo. Meritano.