QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Questione chiusa, per forza

Se John Gruber dedica una pagina di Daring Fireball all’inutilità di chiudere sistematicamente in modo forzato le app su iOS, nel 2017, vuol dire che c’è un’emergenza sociale o qualcosa di simile.

I link li ha tutti lui e cita perfino una email di Steve Jobs che nel 2010 (!) aveva fatto giustizia della questione:

Usa [il multitasking di iOS] come è stato concepito e funzionerà. Non c’è bisogno di chiudere le app.

Mi spingo a ribadire che questo è diverso dal dire che non vada mai fatto. A volte, eccezionalmente, una app può bloccarsi o malfunzionare. A volte. Eccezionalmente.

Farlo per abitudine, su base sistematica, è sbagliato. Anzi, le prestazioni e l’efficienza di iOS ne soffrono, cioè si ottiene un effetto peggiore di quello che si ha lasciando fare al sistema.

Se va scritto sette anni dopo, mi allarmo e rilancio l’appello. Il multitasking di iOS funziona bene.