QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Accavallavacca

Rubo un titolo a Stefano Bartezzaghi per descrivere la situazione della mia scrivania.

  • Alimentazione di MacBook Pro.
  • Auricolari.
  • Time Machine.
  • Hub Usb che collega a sua volta:
    • Alimentazione e sincronizzazione di watch.
    • Alimentazione e sincronizzazione di iPhone.
    • Alimentazione e sincronizzazione di iPad.
    • Alimentazione e sincronizzazione di un orologino che mi hanno regalato a un evento e devo ancora decifrare.

Aggiungo, staccati ma presenti sulla scrivania,

Sono sicuro che frugando bene sotto la superficie salterebbe fuori qualcos’altro.

Sono tutti cavi.

A guardare bene l’elenco, si capisce che varie voci potrebbero essere eliminate già oggi. Time Machine, lo scanner, gli auricolari potrebbero collegarsi wireless, per esempio.

Altre voci sono già state eliminate. Per esempio, la connessione al televisore è regolata wireless da tv. Abbiamo abolito la stampante di casa ma quando c’era, era senza fili. E così via.

Il punto è che la mia scrivania oggi è affollata di cavi che si accavallano, intrecciano, annodano, logorano, impolverano.

La prossima rivoluzione, di quelle vere, mica da comunicato stampa, è l’eliminazione di tutti-tutti-tutti i cavi. Compresa l’alimentazione.

E se uscisse un Mac che rinunciasse alle sue componenti professionali per promettermi oggi, qui, subito, it just works, di eliminare il viluppo di cavi sulla mia scrivania, darei priorità assoluta alla tentazione.