QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Aria pulita

Il notiziario Bbc a Zagabria mostra in sottopancia la notizia che Carl Icahn ha venduto le proprie azioni Apple. Ovviamente Bbc (ma anche il Los Angeles Times) usa il verbo dumped, buttate, perché così la notizia sembra più drammatica.

In realtà Icahn è uno speculatore puro che investe senza curarsi minimamente del contesto e si muove considerando solo il profitto in quanto tale.

Benissimo e che ognuno viva come preferisce. Di fatto la sua presenza tra gli azionisti Apple è sempre apparsa fuori posto, specie da quando Tim Cook ha fatto presente che talvolta Apple si muove per fare la cosa giusta e non per guadagnare a tutti i costi, come nel caso delle iniziative ambientali, che certamente procurano un grosso ritorno di immagine e forse pure di vendite, ma hanno a mio parere costi completamente esagerati rispetto al beneficio materiale.

Icahn senza azioni Apple suona molto come una ennesima iniziativa ambientale: aria più pulita all’assemblea degli azionisti.

P.S.: Per il Los Angeles Times, Icahn ha realizzato due miliardi di dollari. Lascio al lettore il compito di stimare il suo guadagno netto, sapendo che ha comprato le azioni tre anni fa.