QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Widget e no

Sono grato a paoloo per avere commentato in modo interessante il post su Status Board. Trovo discutibili alcune sue affermazioni e le commento a mia volta, per aggiungere informazioni alla discussione.

Non ho mai sentito di widget nel Lisa, mi sono perso qualcosa.

Assolutamente nulla perché nessuno li chiamava così nel 1983. Ma Lisa aveva due modalità di utilizzo, l’Office System e l’ambiente di sviluppo. L’Office System comprendeva sette applicazioni, più cose come calcolatrice e orologio. Che non venivano chiamate widget, certo.

A livello di interfaccia utente il widget è un software adibito spesso alla sola visualizzazione di dati o comunque con pochissima interazione da parte dell’utente e funzionalità ristrette.

Esatto, come calcolatrice e orologio in Lisa.

Non ha bisogno di una menu bar, in definitiva, e ciò lo rende tecnicamente / concettualmente differente da un’applicazione.

L’abitudine ad avere una barra dei menu non significa che sia un requisito. Vogliamo dire che WordStar o VisiCalc non erano applicazioni? (Di passaggio: WordTsar, per i curiosi, non è ancora funzionante su El Capitan). Per non dire dei giochi: Hearthstone è privo di barra dei menu. emacs ha mille funzioni tra le quali l’editing di testo e la programmazione, e non ha alcuna barra dei menu, vivendo nel Terminale. Stellarium è un planetario da scrivania senza barra dei menu.

Quando è stata chiamata in causa per aver plagiato Konfabulator con Dashboard, Apple si è difesa sostenendo come i widget li avesse creati già a partire dal System…

E difatti. Basta leggere il resoconto di Andy Hertzfeld, testimone di prima mano, datato 1981. Anche se possiamo eseguire solo una applicazione importante per volta, non c’è ragione per rinunciare a piccole applicazioni in miniatura che funzionano contemporaneamente nelle proprie finestre.

Apple, furbescamente, sa che dal punto di vista di un utente (come può esserlo un Giudice) questi possano apparire la stessa cosa, peccato che i “widget” del System venivano programmati con lo stesso linguaggio delle applicazioni, non facevano parte di un ambiente di runtime a sé stante ma giravano nel sistema come le normali applicazioni.

Non erano normali applicazioni perché potevano essere chiamate solo dal menu Apple. E le normali applicazioni potevano girare solo una per volta; gli Accessori di Scrivania potevano essere in funzione più di uno nello stesso momento. A margine: nessun giudice si è mai occupato della questione Dashboard-Konfabulator. Apple detiene un brevetto sulla presentazione di widget in uno strato distinto da quello delle applicazioni, dove da nessuna parte si distinguono applicazioni da widget in base al linguaggio di programmazione utilizzato.

I widget di Dashboard/Konfabulator vengono programmati in HTML/javascript/css, mica in Objective-C, e girano sopra un ambiente a parte che interpreta i linguaggi del web.

E allora? L’unica novità introdotta da Konfabulator (e plagiata da Apple) è stata l’uso del linguaggio JavaScript. Che però oggi può essere usato per sviluppare applicazioni! Pretendere di distinguere applicazioni e widget dal linguaggio, ancora una volta, non regge.

Riassumo. In embrione, miniapplicazioni distinte dalle applicazioni canoniche le aveva anche Lisa. Macintosh le ha formalizzate come accessori da scrivania. OS X ha preso le stesse miniapplicazioni trasformandole in applicazioni come le altre. Konfabulator ha ripreso il concetto con l’idea di usare JavaScript e Html. Dashboard ha copiato l’uso di JavaScript e Html. Oggi, con JavaScript e Html, si può scrivere indifferentemente un widget o una applicazione.

Aggiungo per concludere: Mac OS aveva la striscia di controllo. Programmata per forza nello stesso linguaggio delle applicazioni, in un ambiente separato. Miniapplicazioni con interazione minima. Perché non avrebbero dignità di widgettitudine? La verità è che in informatica le classificazioni valgono sempre un tanto al chilo e vanno prese con amplissimo beneficio di inventario. Specie se consistono in una parola coniata da qualche marketing.

Striscia di controllo in Mac OS