QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Sei aperture

Ho l’imperativo morale di ricordare di tanto in tanto che rientro nel comitato tecnico-scientifico di LibreItalia e sostenere l’associazione, nonché sostenere LibreOffice e di conseguenza il software libero (anche attraverso iniziative come FreeSmug, è una buona cosa per chiunque sia in ascolto.

Lo spunto di oggi arriva da Paolo e dalla sua segnalazione del demo filmico The Beautiful Queen Marya Morevna. Interamente realizzato con software libero.

Per la precisione sono stati usati sei programmi: Synfig Studio, Blender, Pencil, MyPaint, Remake e Gimp.

Tutto sontuosamente disponibile per Mac, a dispetto di chi ancora pensa di trovarsi nel 1995. Anzi, per alcuni di questi programmi è più impegnativo funzionare su Windows, dove non esiste uno strato Unix nativo e bisogna installarlo appositamente.

Giusto una tiratina d’orecchie agli autori del sito perché hanno codificato il video in Flash (per guardarlo devo lanciare Chrome).