QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Morte da mille ferite

Trovo impossibile sintetizzare adeguatamente l’articolo di Jackson Fish Market Un progettista di esperienze utente passa da iOS ad Android perché è lunghissimo e pieno di punti interessanti, persino troppi. Quindi lo farò sgocciolare di tanto in tanto nelle prossime settimane. Tutto il sapere che c’è dentro deve essere preservato.

Basti per ora sapere che l’autore del post ha vissuto su Android per oltre due mesi ed è un esperto del settore, non un parolaio.

Sto usando il mio Android come unico telefono da oltre due mesi e ritengo di avere colto il succo dell’esperienza. La progettazione di esperienza utente, secondo me, è artigianato. Parte arte, parte scienza. Come la cucina. Dove quello che ha un buon sapore è soggettivo. Non sostengo di avere l’ultima parola sulle cose che ho scoperto, ma ritengo che le mie osservazioni abbiano del merito.

Per ora, la sua conclusione:

Il mio telefono Android Htc è buono. Non è terribile. Non è grandioso. È buono. Sostanzialmente funziona. Ma è la morte da mille ferite. Quei momenti di esperienza utente fuori luogo si sommano e alla fine non amo il mio telefono Android. Non mi piace usarlo. Preferisco non usarlo per navigare. Non sono entusiasta di installare nuove app. E le cifre sull’e-commerce e sulla navigazione, di Android contro iOS, lo mostrano.

Se non altro, un’ennesima spiegazione del perché il mondo esplode di terminali Android, ma il traffico web resta drammaticamente inferiore a quello di iOS. Morte da mille ferite.