QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Conservatore progressista

Mi consigliano spesso questo o quell’editor di testo, ma resto su BBEdit anche quando sembra meno attraente (pur attento a sperimentare).

BBEdit sembra a volte la gallina vecchia, quella che fa pure buon brodo ma solo per non contestare un proverbio ancora più vecchio. Poi però succede sempre qualcosa, per esempio questo [intervento sulla mailing list dedicata al programma](https://groups.google.com/d/msg/bbedit/J1_IO6odhGs/Ndhwe92MT2YJ. Protagonista un file da 129 megabyte.

BBEdit: due secondi per aprirlo, scorrimento fluido, tutto a posto.
Textmate 2: 12 secondi per aprirlo, scorrimento fluido, pausa se ridimensiono la finestra, colorazione della sintassi veloce sulle prime centomila righe, ma poi ci ha impiegato minuti per il resto del file.
Textmate 1: quasi uguale a Textmate 2, con cursore rotante se uso la funzione “Vai alla riga”.
Coda 2: 15 secondi per aprirlo, niente colorazione della sintassi, ogni scorrimento mostra il cursore rotante, inusabile.
PhpStorm 7.1: messaggio “File troppo grande”.
Sublime Text 2: un minuto e mezzo per aprirlo, poi superveloce e reattivo anche con la colorazione della sintassi e la minimappa.

Un altro test con cento kilobyte di codice Html:

BBEdit: superveloce!
Textmate: la colorazione della sintassi chiede un po’ di tempo…
Sublime: tre secondi per aprirlo, poi superveloce.
Coda: niente colorazione della sintassi, pigro, colloso, noioso.
Dreamweaver CS 5.5: diciotto secondi per caricarsi, poi un minuto di cursore rotante dopo lo scorrimento fino a fine pagina… poi ok, anche nella finestra divisa tra testo e anteprima.

Pochi secondi moltiplicati tante volte fanno molti minuti e allora mi tengo stretto il programma più antico, che a volte si rivela quello più avanti.