QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

Floppy, nuvole e scimmie

Il servizio di trasmissione video in streaming americano Netflix ha reso di pubblico dominio da qualche mese Chaos Monkey (scimmia caotica), un programma fatto per arrecare danni casuali al servizio cloud di computing virtuale che sostiene Netflix stesso… in modo che i programmatori capiscono dove stanno le debolezze del sistema e a lungo termine il servizio rimanga sempre in piedi, qualunque cosa succeda.

Può solo tornare alla mente il segnalatore di sistema MonkeyLives, datato da Andy Hertzfeld a ottobre 1983. Ne riporto i passi salienti.

Il Macintosh originale aveva solo 128k di Ram (un ottavo di megabyte), per cui l’amministrazione della memoria era di solito la parte più difficile della scrittura di sistema operativo e applicazioni. 16k erano usati dal sistema, 22k dallo schermo monocromatico 512 x 342, quindi alle applicazioni restavano 90k circa.

Steve Capps ebbe l’intuizione di usare una funzione di “journaling”, impiegata per generare eventi da mostrare nel floppy della visita guidata, a scopo di collaudo.

The Monkey [la Scimmia] era un piccolo accessorio di scrivania che generava eventi casuali nel programma in funzione, così che Macintosh sembrava in mano a una scimmia velocissima e in qualche modo arrabbiata, che schiacciava mouse e tastiera completamente a caso. Capps diede maggiore significato semantico allo strumento, assegnando percentuali di utilizzo a comandi di menu, attività come spostamento delle finestre e altro.

All’inizio la Scimmia mandava in crisi il sistema facilmente, ma presto risolvemmo tutti i bug più ovvi. Un buon test per una applicazione era sopravvivere a una notte di utilizzo da parte della Scimmia, anche se raramente durava più di venti minuti, perché la Scimmia finiva regolarmente per scegliere il comando Esci.

Bill Atkinson ebbe l’idea di definire un segnalatore di sistema MonkeyLives [la Scimmia vive] che indicava il funzionamento della Scimmia e permetteva a MacPaint e altri programmi di disabilitare il comando di uscita. Così la Scimmia poteva andare avanti anche tutta la notte a collaudare il programma.

Trent’anni fa non c’era il cloud e non si potevano accendere infiniti computer virtuali a migliaia di chilometri di distanza come si può fare oggi. Però le cose fondamentali si erano già capite.