QuickLoox

Dal mondo Apple all'universo digitale, in visualizzazione rapida dell'ovvio

In attesa del notbook

Nel periodo luglio-settembre 2009 Apple ha stabilito il record di sempre nella vendita trimestrale di Mac: tre milioni e oltre di macchine, mai accaduto prima. Di questi, 2,3 milioni sono portatili.

La vendita dei portatili, rispetto allo stesso periodo del 2008, ha registrato +35 percento in unità e +27 percento in fatturato. Si stima che il prezzo medio di vendita sia stato di 1.265 dollari. Il tutto ha sensibilmente contribuito al guadagno totale di 1,67 miliardi di dollari, mai così alto finora.

Nessuno di questi portatili è un netbook.

Il 14 ottobre 2008 Doug Amoth di CrunchGear titolava Cinque ragioni per cui un netbook Apple è una scelta ovvia.

Il 20 gennaio 2009 Brian Caulfield di Forbes titolava Il vero problema di Apple sono i netbook.

Il 21 gennaio 2009 Brian X. Chen titolava su Wired Gadget Apple è ancora indifferente all’opportunità dei netbook.

Il 18 marzo 2009 Shane O’Neill di Pc World titolava La recessione insuffla vita nei Pc Windows mentre Apple boccheggia. Questo è formidabile e si merita anche la citazione di un paragrafo:

Credo che smetterò di chiedermi quando Apple riconoscerà i tempi bui in cui viviamo, perché penso la risposta sia mai. Può darsi che Apple debba essere solo un’azienda da vacche grasse. Quando si fa grigia, dovrebbe fare i bagagli come un giostraio o sparire come una squadra di baseball in inverno e non tornare fino a quando non sono nuovamente tutti ricchi e felici.

(Ripeto: Apple non ha mai venduto così tanti Mac da quando esiste e secondo l’autore avrebbe dovuto nascondersi ad aspettare che passasse la bufera).

Il 24 marzo 2009 Scott Moritz di TheStreet.com sapeva come sarebbe andata a finire prima ancora che iniziasse: L’incursione di Apple nei netbook sarà un flop.

Infine, il 19 agosto 2009, Charles Moore di The Apple Blog titola La mancanza di un netbook e i prezzi alti stanno danneggiando Apple sul mercato back-to-school (l’acquisto di computer in previsione del ritorno a scuola).

Nel settore education Apple ha fatto il trimestre migliore di sempre, con una crescita di fatturato del 12 percento. In particolare ha venduto 50 mila MacBook allo Stato americano del Maine, che li distribuirà a docenti e studenti.

La verità: se Apple fosse stata così stupida da produrre un netbook avrebbe perso una montagna di soldi e messo nelle mani di migliaia di persone l’aggeggio più stupido che sia mai stato inventato per elaborare informazioni.

Continuo a sperare che Apple rimarrà saggia e, se deciderà, produrrà il notbook: non un appecoronamento al gregge dei tutti uguali, ma qualcosa che sconvolga ancora una volta le regole del gioco, ci dia ancora una volta opportunità migliori e ancora una volta ci faccia dire incredibile che nessuno ci abbia pensato prima.